Luigi, Caterina, i moscardini…

Luigi, Caterina, i moscardini…

 

6 marzo 2016

 

Luigi Santoro
(clicca per ingrandire)

Nel mio lungo percorso al Cep (sia con la farmacia che con il Pianacci), iniziato nel novembre 1995, ho avuto modo di incontrare ed apprezzare diverse persone, che resteranno impresse indelebilmente nel mio cuore e nei miei ricordi.

Luigi Santoro, che ci ha lasciati esattamente 16 anni fa, occupa in entrambi un posto di privilegio.
Ci ha legati un’amicizia fraterna, nata improvvisamente come nascono a volte gli amori più intensi e, come spesso accade anche per le intense storie d’amore, durata troppo poco…

Ci davamo del “lei”, con il gusto, reciproco, di mantenere il sapore antico del “rispetto” che non andava minimamente ad intaccare affetto, amicizia, complicità, confidenza…
Nella foto c’è il piatto di ceramica che fece realizzare per me e Susanna nel 1998, in occasione del nostro decimo anniversario di matrimonio.
Da allora è sempre stato presente sulla parete della nostra cucina…

ed a proposito di cucina vorrei ricordare qui un episodio, molto particolare, che mi è capitato spesso di raccontare, e che ha a che fare proprio con la cucina…

Caterina Cocilovo e Luigi Santoro ci invitavano spesso a cena, a casa loro…
Caterina è un’ottima cuoca, e quando, inevitabilmente, veniva sommersa dai nostri complimenti, cercava di minimizzare.. “è un piatto semplice, ci ho messo solo cinque minuti…”
Luigi, da ex pescatore, in quelle occasioni si recava al mattino presto al mercato del pesce, occupandosi personalmente degli acquisti, e non potevano mancare i moscardini, cucinati divinamente dalla moglie…

Nel 2000, come ogni 4 anni, io e Susanna avremmo potuto festeggiare il nostro matrimonio nella “data giusta”, il 29 febbraio…
Avevamo da tempo deciso per una cena al ristorante “Tipico” di Bogliasco, sarebbe bastato un tavolo da 4: io, Susanna, Luigi e Caterina.
Non avevamo fatto i conti con la malattia che, inesorabilmente, proprio in quei giorni, avrebbe avuto il sopravvento su Luigi.

La mattina del 29 andammo a trovarlo in ospedale.
Lui, facendosi forza, cercò di essere allegro, come sempre…
Nel momento in cui io e Susanna stavamo lasciando la sua camera, ci chiamò, salutandoci nuovamente con entrambe le mani dal suo letto…

La sera io e Susanna invitammo al “Tipico” un’altra coppia di amici…
come secondo piatto ordinammo dei moscardini in umido…
Poco dopo le 22, proprio nel momento in cui il cameriere stava disponendo i piatti con i moscardini fumanti sulla nostra tavola, squillò improvvisamente il telefono: per una piacevole, incredibile “magia”, era Luigi che, dall’ospedale, e proprio in quel momento, ci stava chiamando per farci nuovamente gli auguri…
non poteva mancare la sua “presenza” con i moscardini in tavola…

Alcuni anni più tardi io e Susanna facemmo una vacanza in Sicilia, prima tappa Catania.
Andammo a trovare, senza preavviso, la mamma di Luigi
non poteva sapere che saremmo arrivati..con l’affetto e l’entusiasmo tipico della gente del Sud, chiamò i vicini di casa, mi presentò loro come un “fratello” di suo figlio Luigi…

entrando in casa, nella parete alle spalle del salotto, c’era una foto mia con Luigi

sì, nel mio cuore e nei miei ricordi Luigi continuerà ad occupare un posto di privilegio… 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.