La tripla di Francesca

La tripla di Francesca

 

7 marzo 2016

Già sei negli USA, a studiare e giocare a basket…
poi non solo vinci il campionato, ma ti capita anche di mettere la tripla vincente…
tanta roba Fra…

(Claudio Paglieri, per “Il Secolo XIX”)
Dalla NBAZena ai campionati californiani
FACCHINI SHOW, TRIPLA SULLA SIRENA PER IL TITOLO USA
La genovese “in prestito” alla St Paul High School «Mano calda, sangue freddo. E tanto allenamento»
MODELLI: «I miei idoli? Belinelli, Gallinari e LeBron James. Presto lo vedrò dal vivo»
IL SOGNO di ogni giocatore di basket è,senza dubbio, segnare a fil di sirena il tiro decisivo di una finale.

Un’impresa riuscita alla genovese Francesca Facchini, 18 anni ancora da compiere e un’avventura in corso, come studentessa e atleta della Saint Paul High School di Santa Fe Springs, Los Angeles.
Grazie al suo tiro da tre a 6″ dalla fine, la StPaul ha posto fine a una “maledizione”: negli ultimi cinque anni aveva perso cinque finali del campionato CIF (Southern Section Championships).
Ora invece Francesca, numero 5 di maglia, ha regalato alla scuola il 45-44 decisivo per il primo titolo della storia.

Playmaker-guardia di un metro e 70, primi palleggi nell’Ardita Juventus Nervi e dai 15 anni passata alle giovanili nella Nba Zena del presidente Carlo Besana, con esordio in A2, Francesca racconta così il tiro decisivo: «Eravamo tre tiratrici in campo, nei cambi difensivi io mi sono ritrovata marcata dalla loro lunga di due metri, allora sono uscita a prendermi il tiro da tre».
Senza paura, con la faccia da poker di uno dei suoi giocatori preferiti, Marco Belinelli: «Sì, lui, e Danilo Gallinari, e LeBron James. Avevo segnato il tiro decisivo anche in semifinale, loro sanno che in quei momenti posso metterli dentro e mi hanno dato fiducia. Qui si dice “hot handed, cold blooded”, mano calda e sangue freddo».

La sua carriera ha conosciuto un brusco stop nel 2014 per la rottura del legamento crociato, ma Francesca non si è mai persa d’animo e l’estate scorsa è stata notata, durante il WSBC SuperCamp di Sportilia, a Forlì-Cesena, da coach John Saintignon.
La proposta di trasferirsi in California è stata presa al volo, vista la possibilità di frequentare la High School come foreign student, migliorare l’inglese e naturalmente fare un salto di qualità dal punto di vista cestistico.
«Qui mi sono ambientata senza difficoltà – dice – a scuola i compagni mi hanno accolto bene facendomi tante domande sull’Italia, che affascina tutti. Lo stesso le mie compagne di squadra e gli allenatori. E anche la famiglia che mi ospita, che è mezza italiana, ha abitudini simili alle mie».

In America si può crescere sotto tutti i punti di vista, ma nulla accade per caso.
«Per il tiro da tre mi sono allenata moltissimo. Bisogna tirare tanto ogni giorno e i miglioramenti poi si vedono. Costanza e passione per questo sport sono le chiavi. I miei allenatori mi hanno corretto piccoli particolari per rendere più efficace il mio tiro e mi sono serviti molto perché ora sto tirando molto meglio».

Qualche segreto poi va a carpirlo direttamente alla fonte, visto che ogni tanto capita l’occasione di vedere una partita Nba dal vivo.
«Ho visto giocare i Suns e i Bucks mentre ero a un torneo in Arizona, e tra poche settimane andró a vedere Clippers-Cavaliers. Partitona, non vedo l’ora! ».

Ma l’avventura di Francesca non finisce qui: «Resterò un altro anno negli Stati Uniti. E poi si vedrà…».

La tripla vincente di Francesca Facchini nel servizio di Sky Tg24
la tripla e l’esultanza (clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.