“Loro”, i soliti inadeguati…

“Loro”, i soliti inadeguati…

 

31 maggio 2014

(clicca per ingrandire)

Non è un mistero che la gestione pubblica del Ponente cittadino stia vivendo momenti di grande “confusione”…
opere d’autore (statue) spostate qua e là senza un criterio preciso, opere (orribili, tipo le “fioriere” di Pegli) prima sbandierate come veri e propri pilastri (forse perché di cemento ed ingombranti) a tutela del cittadino per poi essere costretti a fare immediatamente marcia indietro, con un doppio costo per tornare, come a Monopoli, al punto di partenza…
e si potrebbe continuare all’infinito…

Un cittadino, che ha a cuore il suo territorio e le sue bellezze, spera che questi sentimenti siano patrimonio anche di chi ci amministra.
A Ponente no, il cattivo gusto ed il paradosso continuano ad imperare…
Ieri sera, complice una temperatura piacevole, con una coppia di amici si decide di cenare all’aperto…
appuntamento sulla passeggiata a mare di Pegli, negli ultimi anni oggetto di un consistente impegno economico per il suo rifacimento…

Uno si aspetta che per questa importante “vetrina” del Ponente cittadino continui l’attenzione, anche nei particolari, dell’amministrazione locale..
Magari sono state posizionate fioriere per rendere ancor più piacevole questo percorso, già molto bello di suo, con il mare lì sotto, impegnato nella sua “battaglia” quotidiana con gli scogli e con qualche lembo di spiaggia sabbiosa…
Certo, non appena pensi al termine “fioriere”, ti viene immediata l’associazione a quegli obbrobri di cemento posizionati davanti alla stazione…
ed allora dici: no, meglio che non pensino alle fioriere…
Ma la fantasia dei “nostri” amministratori (quelli del Ponente intendo) riesce a sconfinare nell’horror…
ma non quello vero, da thrilling, è più un horror tipo “Scary Movie”… (comico, ma spesso anche disgustoso)

“Loro”, proprio in corrispondenza di un attraversamento pedonale con tanto di semaforo, piazzano proprio lì i cassonetti della rumenta (però con rispetto, cioè “giù dal marciapiede”, non proprio “sulla” passeggiata…) aggiungendo però, proprio a picco sul mare, appoggiati alla ringhiera, i contenitori della rumenta, compreso quello del’umido…
E’ evidente che abbiano pensato, sempre “Loro”, che per favorire la frequentazione del gioiello di Pegli da parte dei residenti, perché non invogliarli a raggiungere proprio lì cassonetti e contenitore dell’umido?
Costringendoli a portare lì, tutti i giorni, i loro rifiuti, magari si affezionano, e ci portano figli, amici, parenti…
Che dire? Geniali… nella loro inadeguatezza….
Nel frattempo, al termine di una giornata calda (come sarà per i prossimi tre mesi), il contenitore dell’umido aveva iniziato a disperdere parte del suo contenuto, in forma liquida, proprio sulla “prestigiosa” vetrina pegliese…
e, preso (lui si, il contenitore intendo…) da un lodevole senso civico, già da ore aveva cercato di segnalare il suo imbarazzo emanando un aroma non proprio gradevole, tale da coprire in modo prepotente il profumo di mare che piacevolmente si leva quando le onde si infrangono, secondo dopo secondo, da un’eternità e per l’eternità, sugli immobili scogli…
Si accorgeranno” avrà pensato (sempre il contenitore) “che faccio proprio schifo?…”.
Niente…
Mi piace pensare che un giorno una lapide sulla passeggiata possa ricordare questi nostri “illuminati” amministratori locali…
ci starebbe bene questa frase…

Curar la “passeggiata a mare”
Vuol dire “amare la passeggiata”…
Un concetto elementare
Ma non per chi l’ha amministrata 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.