Don Gallo, un maestro straordinario

Don Gallo, un maestro straordinario

6 giugno 2014

Link all’articolo

(Luciano Bozzo, per “SuPraTutto”)
UN MAESTRO STRAORDINARIO A CUI NON MANCAVA MAI L’ALLEGRIA. CARLO BESANA RICORDA DON GALLO

Sabato 18 maggio abbiamo avuto la fortuna di vivere alcune ore davvero belle ed interessanti al Palacep di Pra’ a Cà Nuova nel ricordo e sulle orme di Don Andrea Gallo.
Al termine di una serie di incontri, dibattiti e monologhi che hanno visto protagonisti tra gli altri il Segretario nazionale della FIOMCGIL Maurizio Landini, lo scrittore Maurizio Maggiani ed il giornalista e scrittore Marco Travaglio, abbiamo incontrato Carlo Besana, Presidente ed anima del Consorzio Pianacci oltre che grande amico di Don Gallo per chiedergli come è nato questo feeling, questo particolare legame tra il fondatore della Comunità di San Benedetto al porto, la Pianacci ed il Cep di Pra’ e quali sono i ricordi più belli della sua amicizia con il Gallo.

Una sera del 2008 stavo seguendo un talk show su una emittente televisiva locale e Don Andrea Gallo, che allora non conoscevo personalmente, mi citò dicendo come il riscatto delle periferie urbane fosse possibile grazie alla volontà delle persone che si mettono in gioco piuttosto che attraverso pretenziosi megaprogetti. Contattai allora l’assessore alla cultura del Comune di Genova che il giorno dopo avrebbe ospitato don Andrea in un incontro pubblico a Palazzo Ducale chiedendo di poterlo incontrare, conoscere e ringraziare per le sue parole. Tutto nacque così, molto semplicemente.
Nel 2009 venne qui per la prima volta per l’inaugurazione del Palacep e si può dire che da allora decise di sposare la nostra avventura e di prendere a cuore il quartiere. Nel 2010 ha portato qui i Subsonica per i 40 anni della Comunità di San Benedetto e poi il rapporto di amicizia e collaborazione è continuato anche negli anni seguenti in diverse altre occasioni, ad esempio il compleanno nel 2011, e la serata insieme ad Adriano Celentano e Biagio Antonacci .
Uno dei ricordi più belli che ho e che ancora mi riempie di orgoglio è quando gli chiesero perché si trovasse ancora una volta al Palacep per una iniziativa che lo vedeva protagonista e lui rispose “Perchè Carlo è uno di noi!”. Questo a testimoniare come il nostro impegno per riqualificare e restituire dignità a questa estrema periferia di Genova, lui lo sentisse molto vicino e molto simile al suo impegno per restituire invece dignità e voce alle persone più emarginate e più in difficoltà, a chi non aveva voce.
Poi ci univa anche il nostro comune interesse per la pallacanestro. Don Andrea negli anni 60 era stato assistente della squadra di basket del Don Bosco, tant’è che quando abbiamo festeggiato i suoi 83 anni al Palacep lui si era anche scherzosamente cimentato in alcuni tiri a canestro. lo ho una squadra femminile che adesso milita in serie A2. Don Gallo divenne da subito il nostro tifoso numero uno; veniva alle partite, ospitava le ragazze a cena alla “Lanterna”, il ristorante della Comunità di San Benedetto, e quando, alla sua morte, è stata allestita la camera ardente, accanto alla sciarpa del Genoa e alla bandiera dell’ANPI c’era anche la maglietta con il numero uno della squadra di pallacanestro.
Ci sarebbero tanti ricordi piacevoli da citare anche perché tutte le cose che si facevano insieme, sia quelle legate al basket che le feste organizzate alla Pianacci si svolgevano sempre in un clima gioioso in cui il sorriso ed il divertimento non mancavano mai anche quando poi si andavano invece a toccare e discutere temi difficili e di grande importanza sociale.
Un altro grande insegnamento che ho potuto apprendere da lui riguarda la sua straordinaria attitudine all’accoglienza, intesa come primo ed essenziale momento di condivisione: chiunque si trovasse di fronte, lui aveva la formidabile capacità di riuscire a farlo sentire da subito al centro della sua attenzione. E questo era, da un lato il suo concetto di accoglienza, molto vivo, molto sentito e dall’altro la sua grande capacità di comunicare perché il grande comunicatore è colui il quale sa anche ascoltare l’altro e riuscire a condividere empatia.
Da questo punto di vista per me è stato un maestro straordinario, pur in questi pochi ultimi anni di amicizia, davvero molto intensi.”

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.