“L’immortale”, ben fatto ed avvincente

“L’immortale”, ben fatto ed avvincente

 

 

 

“L’immortale”, ben fatto ed avvincente

 

 

Non seguo da anni, per scelta, le “serie tv” (l’ultima è stata “24”) e quindi non ho mai visto nemmeno la serie “Gomorra”.

Come mi accadde per l’omonimo film di una dozzina d’anni fa (“Gomorra”, di Matteo Garrone), mi ha invece incuriosito “L’immortale”, incentrato su uno dei personaggi della serie, Ciro Di Marzio ed in programmazione su Sky Primafila.

Per il cinema italiano è la prima volta in cui un personaggio di una serie tv diventa protagonista di un film che è derivazione ed allo stesso tempo collegamento alla serie stessa.

A dispetto del titolo, non entrerà nella classifica dei film “immortali”, ma, nonostante qualche tradizionale stereotipo (i “cattivi” dell’Est in primis, ma anche il personaggio principale) l’ho trovato ben fatto ed avvincente.

 

 

(clicca per ingrandire)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.