24 marzo…io e Susanna, la mia “Dea Fortuna”…

24 marzo…io e Susanna, la mia “Dea Fortuna”…

 

Susanna mi invita a mettermi su un fianco, voltandole le spalle…
non so cosa mi aspetti ma non ho motivi per non fidarmi…

 

24 marzo…
mi sveglio…

la camera non è completamente buia…

guardo la sveglia…sono le 10!!!

non mi capitava da una vita di svegliarmi così tardi, ma non mi sento in colpa…
in questi giorni di reclusione in casa non ci sono impegni legati alla scansione, spesso inesorabile, del tempo…
tutto scorre senza l’assillo di un ritardo da giustificare…

mi giro, Susanna è lì…

si scusa, teme di essere stata lei a svegliarmi, con un involontario movimento brusco…

ma chissenefrega…
è bello svegliarsi e trovarla lì, accanto a me…

mi sento parecchio intorpidito, con i muscoli che fatalmente denunciano la prolungata mancanza di movimento (ed io sono già pigro di mio, anche in situazioni “normali”…).

Susanna mi invita a mettermi su un fianco, voltandole le spalle…
non so cosa mi aspetti ma non ho motivi per non fidarmi…

lei si sposta un po’ più in là, distende le sue lunghe, affusolate gambe, e dopo aver infilato i piedi sotto la maglia del mio pigiama, dà il via ad una magica danza sulla mia malconcia schiena…

i polpastrelli dei suoi piedi percorrono in su ed in giù la mia colonna vertebrale, con dolcissime, energiche, piacevoli compressioni alternate a piccole pause in cui l’attesa offre un piacere quasi identico a quello dato dal successivo, estemporaneo massaggio…

i polpastrelli vanno poi a danzare, come guidati da un abile coreografo, su tutte le derivazioni muscolo scheletriche laterali, ed è un’esplosione di stanchezza e torpore che sembrano lasciare il mio corpo sprizzando, piacevolmente, da tutti i pori…

il tempo di assaporare tutto questo ben di Dio, ed ecco che di nuovo riesce a sorprendermi, facendo leva sulla piena conoscenza di uno dei miei preferiti punti deboli…

i suoi piedi si fanno da parte, e lasciano spazio alle dieci dita della mano, in particolare alle curatissime unghie, affilate ma levigate, perfette per un’incomparabile “grattatina” alla schiena…

chi ha il mio stesso punto debole lo sa…

quando ti fai grattare la schiena scatta, puntualmente, il particolare prurito in un certo punto…
ed il punto più alto del piacere lo si prova quando, dopo averci inconsapevolmente girato intorno, si riesce a far “centrare” il bersaglio a colpi di “un po’ più su”…no, un po’ più giù…un pochino più a destra”…
ed una volta fatto centrare il bersaglio, ed assaporatane la piacevolezza, ecco che scatta un nuovo bersaglio da raggiungere…e così via…

stamane no, non ho voluto dare indicazioni, ho represso tutti i miei “un po’ più su…un po’ più giù”, ho lasciato che fosse il caso, attraverso le sue magiche dita, a far raggiungere o meno i diversi, consecutivi bersagli…

ho immaginato che attraverso di lei agisse la Dea Fortuna, figura della religione romana conosciuta anche come Dea Bendata…

il suo bacio era considerato come un segno positivo e l’insieme, fortuna e bendata, fa meglio comprendere il significato dei modi di dire “essere baciati dalla fortuna” e “la fortuna è cieca”

e stamane pure io ho meglio compreso il significato, quello più profondo, di quei popolari modi dire…

il bacio, ça va sans dire, è infine arrivato…

e d’altro canto non essendoci altro essere umano oltre a noi, avevo ben il 100% di possibilità di essere io il destinatario del bacio della fortuna…

tutto qui? dirà qualcuno…
beh, mica posso raccontarvi tutto…

comunque, stamane alle 10.30 abbiamo fatto colazione…

quindi…sì, stamane “tutto qui”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.