Le Viperette

Le Viperette

 

14 giugno 2015

Sono di parte..ma quella delle “viperette” non mi pare una cattiva idea…
Chissà….

Link all’articolo

(Claudio Paglieri, per “Il Secolo XIX”)
La società di Sampierdarena pronta a cambiare nome
IL BASKET DONNE CHIAMA FERRERO: “VUOI ADOTTARE LE VIPERETTE?”
Nba Genova senza sponsor rischia di scendere dalla A2 alla C.
II presidente Besana propone un “gemellaggio”.

 

L’ULTIMO APPELLO è per lui, Massimo Ferrero, un romano che ha dato a Genova una scossa di energia.
E arriva da Carlo Besana, un lumbard che ha portato la Nba di basket fino alla Serie A2 femminile, sfiorando la A1.

Ma che ora rischia di ripartire dalla C per mancanza di sponsor.
«A Ferrero l’entusiasmo non manca, e sa cogliere al volo le opportunità – dice Besana – so che vuole rafforzare il legame della Sampdoria con Sampierdarena, dove giochiamo noi. Sarebbe bello se una grande società di calcio maschile decidesse di “adottarne’ una di uno sport “minore”, femminile, a un costo con cui loro pagano magari un mese di stipendio a un giocatore. Ne parlerebbero tutti. E noi avremmo pronto anche il nome perfetto: “Le Viperette”, o le “Vipers”».

Pronte a mordere le avversarie, e a tenere Genova nel basket che conta.
«Lo sponsor Almo Nature, dopo due anni bellissimi, ha purtroppo deciso di lasciare – racconta Besana – ho cercato un altro sponsor, ma finora senza fortuna. Se non lo trovo prima del 7 luglio, limite per l’iscrizione alla A2, dovremo rinunciare».

Almo Nature darà il suo nome al campionato femminile di A1, quello che Besana ha inseguito con caparbietà, costruendo una squadra molto forte, senza riuscire a conquistarlo.Ma non è questo il problema.
«Il problema è che per disputare la A2 servono 160/170 mila euro l’anno» e che questi soldi erano tutti coperti dagli sponsor.«Facciamo pure i conti della serva – elenca Besana – 20 mila euro come minimo costano le trasferte, quest’anno abbiamo giocato trenta partite, la metà lontano da Genova; 20 mila euro ci costa il PalaDonBosco per gli allenamenti,le partite e l’attività giovanile; 15 mila sono per le spese federali; 5 mila per abbigliamento, assicurazioni, spese mediche…».

Siamo già a 60 mila e bisogna ancora pagare allenatori e giocatrici.
«A Genova non ci sono 12 giocatrici di A2, vanno prese da fuori. Assicurando loro una foresteria dove alloggiare, e un minimo rimborso spese».

Sponsor a parte, altri introiti non arrivano. Praticamente nulla dai biglietti, quasi tutti omaggio, e diritti tv non ce ne sono.
Alla fine dell’ultimo campionato le migliori giocatrici sono andate via: Nene Diene a Lucca in A1, Valentina Costa a La Spezia promossa in A2 (se non altro, la Liguria avrà comunque una squadra di vertice), la Visconti, la Bozic.
Restano per ora la capitana De Scalzi, da sempre legata alla squadra aldilà dei discorsi economici, la Principi, la Carbonell e le ragazze del vivaio (Under 19 e Under 17, più Under 14 e Under 15 in rete con altre società).

«Potrei ridimensionare le ambizioni tecniche – aggiunge il presidente – ma i costi fissi della A2 ci sarebbero comunque. La A3 l’anno prossimo non ci sarà più, la B in Liguria non c’è. Si rischia di passare dalla A2 alla C regionale».
Peccato, perché i numeri del basket ligure sono in crescita, a livello di praticanti.

Ma la regione non riesce a tutelare la sua punta, quella che può dare senso e sbocco a tutto il movimento.
Besana le ha pensate e provate tutte, ma anche l’ipotesi dì un trasferimento a Chiavari è tramontata per mancanza di disponibilità del palazzetto.

Da qui l’ultimo appello, a uno sponsor che si faccia avanti o al presidente Ferrero.

Le Viperette, dai, non sarebbero male.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.