Io e mia moglie dopo la mezzanotte…

Io e mia moglie dopo la mezzanotte…

25 giugno 2015

IO E MIA MOGLIE DOPO LA MEZZANOTTE….

 

Quando una coppia è nel fiore della sua giovinezza è facile immaginare gli scenari che vanno dagli istanti che precedono il momento in cui ci si corica ed il momento in cui, molto più tardi, ci si addormenta beatamente….

È quindi inutile che mi soffermi su questi particolari, anche perché alla mia età gli sforzi di memoria richiedono un grande impegno di energie

Mi è molto più semplice partire dagli stessi istanti, riferiti però ad una coppia più attempata, ad esempio io e mia moglie Susanna, già irrimediabilmente “segnati” da 27 anni di matrimonio….

Qui, per mantenere viva o addirittura scoppiettante (il più possibile) la situazione, deve necessariamente entrare in gioco la fantasia, la capacità di adeguarsi alle nuove, progressive situazioni, in poche parole un po’ di sano cazzeggio che non guasta mai…CasaBesana_pigiamone

Qualcuno potrà pensare che stia esagerando, ma vi inviterei a visualizzare queste situazioni:

a-inverno: mezzanotte è già passata da un pezzo, spengo il pc (desktop, quindi postazione fissa), vado a coricarmi e trovo Susanna assorta nella lettura dello smartphone, bardata in un pigiama spesso almeno due cm, che si narra sia stato direttamente ricavato da un divano di velluto dell’800 (l’alternativa è una tuta felpata senza zip, del tipo nazionale sovietica lanciatori del peso alle Olimpiadi di Roma del 1960).

Non occorre quindi nemmeno provarci perché già il pigiama divano (o la tuta) di per sé sono un deterrente ben preciso, già classificato dal dipartimento anti stupro del NYPD (New York Police Department) come uno degli strumenti più efficaci nei periodi in cui, ciclicamente, le cronache sono occupate dalle azioni degli stupratori seriali

b-estate: come prima, con il pigiama divano (o la tuta) sostituiti da un leggerissimo pigiama decorato da improbabili scenari disneyani; anche questo capo d’abbigliamento intimo è entrato nella top ten del NYPD in quanto le immagini infantili (con inequivocabili riferimenti a periodi di coccole materne) sembrerebbero agire sugli ormoni maschili in misura inversamente proporzionali all’effetto provocato dalla riproduzione in scala 1:1 della farfallina di Belen…
per non correre rischi, comunque, Susanna aggiunge sempre, con tono perentorio: “Dio mio che caldo, meno male che il letto è molto largo” ….

Capite che in contesti di questo tipo se non ci fosse, ogni tanto, un po’ di sano cazzeggio, si correrebbe il rischio di diventare soci sostenitori delle aziende che producono antidepressivi …

Tutto questo per introdurvi nello scenario di ieri sera, meglio: stanotte, dopo una splendida giornata di mare, con l’aggiunta di un’incredibile (quasi irripetibile) partita di basket vista in tv, con le emozioni di una gara 6 di finale condita da ben tre tempi supplementari…

E’ circa l’una, spengo il pc, vado a coricarmi…Susanna è impegnata con il suo smartphone….

Dopo qualche minuto esclama:
No, non è possibile… ha 72 anni !!!

Chi?
Roberto Vecchioni
E ti stupisci? Si chiama Vecchioni, mica Jovanotti …

Neanche il tempo di complimentarmi con me stesso (lo so, mi accontento di poco, ma aiuta…) che un commento di Susanna mi fa capire che la sua lettura si è già spostata (potenza del web!) su argomenti scientifici, con un ben preciso riferimento alla prostata (per i meno informati: ghiandola dell’apparato sessuale maschile).
Il suo commento è scientificamente molto preciso, potrei anche glissare, evitare di addentrarmi in un dialogo che nasconde tante insidie…

invece no, mi sto ancora compiacendo della mia “battuta rapida” su Vecchioni e le mie difese sono terribilmente abbassate…
E mi esce spontanea una frase simile ai leggendari autogol di Comunardo Niccolai…

Diventata esperta delle teorie sulla sessualità maschile?

E lei, in un miliardesimo di secondo.
Beh, da quando in casa non c’è più traccia della parte pratica…

Ferito a morte, benché dentro di me si accenda un pizzico di orgoglio per la crescita di Susanna in termini di propensione al cazzeggio (credo di essere stato un buon coach in questo), non riesco a replicare…
Un 1-1, pochi attimi dopo il gol di vantaggio, preso in contropiede e per giunta su autogol fa molto male….

Susanna sembra accorgersi della situazione…
Allunga il suo braccio sinistro…la sua mano prende la mia mano destra e la stringe…
Poi porta il mio braccio destro verso di lei…

il mio cuore comincia a battere forte (ed aumenta anche la mia preoccupazione per l’eventuale seguito… mica posso fare ancora autogol…)…
poi, improvvisamente, infila il mio braccio sotto la maglia del suo pigiama disneyano…
nel buio immagino lo stupore di Pippo e Clarabella, machissenefrega ….

improvvisamente la sua voce si fa delicatamente sexy…
appoggia la mia mano sul suo addome e mi sussurra con tono alla Marylin Monroe:
Wow…. Hai sentito? ….

ed io, intimorito da possibili autogol ma anche assolutamente confuso
Sentito cosa?”…

E lei, orgogliosamente divertita:
“Gli addominali!!!”

2-1 per lei, crollo anch’io come Reggio Emilia ai supplementari, e per colpa di una “tartaruga” …
che non è nemmeno una Ninja…

‘notte.

Sipario

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.