Le proteste spengono l’estate del Cep

Le proteste spengono l’estate del Cep

 

18 maggio 2012

Quando si defilano tutti, soprattutto quelli che, dall’alto del loro ruolo istituzionale, potrebbero svolgere un ruolo di giusta tutela, è comprensibile, dopo averle allargate, alzare le braccia in segno di resa…

Link all’articolo

(Pietro Roth, per “Il Corriere Mercantile”)
Secondo lo storico responsabile del consorzio, Comune e Municipio non hanno fatto abbastanza per salvaguardare la struttura
LE PROTESTE SPENGONO L’ESTATE DEL CEP
Dopo le denunce, nessun concerto al Pianacci.
Il presidente Besana:«Sono pronto a lasciare».

Proteste, denunce penali, udienze in tribunali, incontri esasperanti, polemiche.
Si spegne per colpa di questi “ingredienti” l’estate del consorzio Arci Pianaccì, che gestisce il PalaCep sulle alture di Voltri.
Un luogo che è ben presto diventato un simbolo per la sua capacità di aggregare e proporre iniziative interessanti ed elevate in un quartiere certo non facile, lontano dal centro e dalle luci dei riflettori: basti pensare che lo scorso dicembre, in un concerto pro alluvionati, salirono sul palco Gino Paoli, Beppe Grillo, Biagio Antonacci e Don Gallo, tutti insieme.
Per l’estate, però, non è in programma nessuna iniziativa, mentre gli anni scorsi il calendario di appuntamenti era piuttosto fitto.

«Dico la verità, sono stanco – allarga le braccia Carlo Besana, l’ex farmacista che ha creato questo consorzio-modello – Il prossimo 1 giugno, all’assemblea del direttivo, rassegnerò le mie dimissioni da presidente, pregando i soci di individuarne un altro».
Da dove nasce tutto questo malessere?
«Dalle proteste – concretizzate in formali denunce alla procura – di alcuni abitanti del civico 46 di via Due Dicembre , ossia il palazzo più a ridosso del Palacep. Abitanti che si lamentano del rumore che proviene dal tendone, sia quando vengono organizzate serate, sia quando si svolgono gli allenamenti di pattinaggio. Il fatto è che noi abbiamo tutte le autorizzazioni del caso – confida Besana – Possiamo allenarci quanto vogliamo, e abbiamo venti deleghe all’anno per fare musica fino a mezzanotte e mezza, senza limiti per quanto riguarda le soglie. Ma, pur con queste licenze, abbiamo incontrato gli abitanti tramite il Municipio, li abbiamo scoperto che alcuni di questi erano stati convinti a firmare le denunce penali in modi poco chiari. Siamo andati in casa loro e lì abbiamo verificato che non c’erano mobili che traballavano per il rumore, né bicchieri che si muovevano. Ma c’è uno “zoccolo duro” che non ne vuole sapere. Non capisce che questo disagio, che esiste, lo ammetto, ma è minimo, è un passaggio nella fase di trasformazione di un quartiere. Noi mettiamo a disposizione spazi per fare sport, per bambini e per famiglie, senza far pagare un euro. Abbiamo alcuni concerti di valore, perché non chiudere un occhio, se c’è un fastidio minimo? Non riesco a capire».

E così, benché con le autorizzazioni in tasca, Carlo Besana è pronto a lasciare, in un’estate senza un calendario di eventi.
«Ci siamo impegnati al massimo – ricorda – E adesso mi chiedo se ne vale la pena. Anche perché Comune e Municipio non ci hanno mai aiutato, salvo sporadiche eccezioni: abbiamo la struttura in concessione da Tursi, eppure è impossibile avere un rapporto diretto, quella che ti dicono oggi viene smentito domani con una facilità disarmante. E, nel merito della situazione, ho la sensazione che se ne vogliano lavare le mani . Se non avessimo risolto la questione del supermercato, impegnandoci per farne aprire un nuovo, forse resterei al mio posto. Ma a queste condizioni, meglio passare la mano. A meno che non siano i residenti del Cep, unitariamente, a chiedermi di restare».

Si attendono quindi sviluppi, dopo un’estate di silenzio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.