“La triade” e “quella volta che…”

“La triade” e “quella volta che…”
 
9 marzo 2010
 
 
Graziella Consonni
Graziella Consonni

Tra il 1970 ed il 1992, prima quindi del mio trasferimento a Genova, nei miei percorsi sportivi e sociali, che si sono magicamente incrociati tra basket ed Unicef, ho avuto due preziosi “compagni di viaggio”: Nino Ranieri, segretario sia della società di basket che del Comitato provinciale per l’Unicef, e Graziella Consonni, che ha presieduto la società di basket (Pol. Costamasnaga per l’Unicef) fino all’arrivo in A1. 


L’ultimo suo “successore” è stato, fino ad un paio di mesi fa, proprio Nino Ranieri.

Noi tre, senza nulla togliere, ci mancherebbe, ai tanti preziosi collaboratori, eravamo una sorta di “triade” che si muoveva sulla stessa lunghezza d’onda, con gli stessi tempi, con le stesse pulsioni, quasi fossimo l’embrione di una magica , collaudata orchestra…

abbiamo realizzato, insieme, tantissime iniziative , non solo di dimensione “locale”, e probabilmente, presi come eravamo dall’entusiasmo e dal peso dell’organizzazione, non ci siamo resi completamente conto dello spessore che stavamo dando, in quel momento, ad una piccola ma grandissima realtà dell’operosa Brianza…

lo si realizza di più con il trascorrere del tempo, quando le cose sedimentano e le puoi “leggere” con più tranquillità, e magari con un pizzico di compiaciuta nostalgia…

è quello che mi è capitato, di tanto in tanto, di fare con Graziella e con Nino nelle rare ma piacevolissime occasioni in cui ho avuto l’opportunità di incontrarli o sentirli dopo il mio trasferimento a Genova…

Ora, purtroppo, non potremo più raccontarci nulla…

Nino ci ha lasciati un paio di mesi fa, Graziella ci ha lasciati oggi, entrambi con le stesse, inesorabili modalità…

l’ultima volta che ho sentito Graziella, che sembrava essersi un pochino ripresa, abbiamo parlato proprio di Nino, con il dolore “palpabile” nella conversazione, anche se mitigato (in apparenza) dal pudore che inevitabilmente affiora quando si parla delle sofferenze di un amico comune sapendo che sono le stesse che sta provando chi sta parlando con te….
Quest’anno ho ritrovato, per la prima volta da avversario (in qualità di dirigente), la mia vecchia società, ma non sono riuscito a “ritrovare” i miei due preziosi compagni di viaggio…

Il 21 marzo disputeremo l’ultima partita a Genova del nostro campionato e, per una strana coincidenza, ci farà visita proprio il Costamasnaga…

gli altri non se ne accorgeranno, ma avremo sicuramente un paio di spettatori con un punto d’osservazione privilegiato…

è un punto d’osservazione al quale, prima o poi, inevitabilmente, li raggiungerò….
ed avremo un’eternità di tempo per raccontarci, ogni volta con nuovi particolari, “quella volta che..”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.