Io, il Candido Day, una forte emozione, ed un pizzico d’invidia…

Io, il Candido Day, una forte emozione, ed un pizzico d’invidia…

 

27 febbraio 2010

  

Carlo Besana e Sonia Savi al Candido Day
Carlo Besana e Sonia Savi al Candido Day

Il 22 febbraio 2010, ad un anno esatto dalla sua scomparsa, la Gazzetta dello Sport ha ricordato il compianto direttore Candido Cannavò.

Al Candido Day, oltre alla moglie Franca ed al figlio Alessandro, erano presenti imprenditori come Luca Cordero di Montezemolo, John Elkann, Diego Della Valle, Claudio Lotito e Massimo Moratti, manager come Adriano Galliani, il presidente della Fígc Giancarlo Abete, il suo predecessore Franco Carraro, Demetrio Albertini, Livio Berruti, Jean Alesi, Francesco Moser, Valentina Vezzali, Josefa Idem, Giovanni Soldini, Gianfelice Facchetti, figlio di Giacinto, e tanti altri.

Il Candido Day, condotto da Franco Arturi, si è aperto con la presentazione della Fondazione Candido Cannavò per lo Sport, il cui primo atto ufficiale è stato la consegna della maglia , con il logo della Fondazione, alla società di cui sono presidente,l’NBA New Basket A-Zena.
Sul palco, chiamati da Franco Arturi, siamo saliti io e la giocatrice Sonia Savi.

Il “primo vagito” (così l’ha definito Arturi) della neonata Fondazione ci ha visti protagonisti, emozionati ma anche (penso giustamente) un po’ orgogliosi.
In un vero e proprio parterre de roi un pezzettino di Liguria era lì, chiamata ad iniziare un evento così prestigioso, e quel pezzettino di Liguria eravamo noi…

Le vittorie sul campo danno grandi emozioni (e chi, come me, le può festeggiare così di rado lo sa benissimo…) ma questa mi ha dato un’emozione particolare.

I volti delle persone che più hanno vissuto da vicino Candido Cannavò, in particolare la moglie Franca, avevano l’espressione, felice, che normalmente fa da cornice agli incontri, inattesi, con un amico che non si vede da tempo… la percezione che lui, fosse lì, con loro, con noi, era palpabile…

Lo confesso, ho provato un pizzico d’invidia…un’invidia piacevolmente dolce… e non mi ricordo mi fosse mai capitato, prima, per una persona che non c’è più…

il video (consegna della maglia e mio breve intervento)

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.