elezioni regionali…la sinistra” tra “I Camaleonti” e Lucio Battisti…

elezioni regionali…la sinistra” tra “I Camaleonti” e Lucio Battisti…

 

 

…l’impressione è che la “sinistra” locale abbia abbracciato la strategia del sondaggio/casting  tipica dei reality…

 

(clicca per ingrandire)

 

“Non c’è niente di nuovo/alla luce del sole…”

lo cantavano, al Cantagiro 1967, “I Camaleonti”, uno dei gruppi che in quel periodo andavano per la maggiore…

già…i camaleonti…

se ci riferiamo non al mondo musicale ma a quello animale i camaleonti sono dei curiosissimi rettili, noti per la loro capacità di cambiare continuamente, di mimetizzarsi…

 

leggendo le notizie di politica locale, in questi giorni con lo sguardo già rivolto alle elezioni regionali del prossimo mese di maggio, mi sono venute in mente entrambe, la canzone ed il curioso rettile, che cerca di far colpo con nuovi cromatismi ma, alla fine, è pur sempre se stesso…

mi riferisco al variegato ed ondivago mondo della cosiddetta “sinistra”…

mancano un centinaio di giorni all’appuntamento elettorale che deciderà la guida politico amministrativa della regione e…

non c’è ancora un’idea di chi potrebbe essere il candidato da opporre a Giovanni Toti, già da tempo sicuro candidato del compatto centro destra alla ricerca di una conferma…

Giovanni Toti è alla guida della Regione dal 2015 e già da allora si sapeva che l’appuntamento elettorale successivo sarebbe caduto a metà 2020…

ed eccoli lì, gli “strateghi” della “sinistra”, che sembrano sorpresi dalla “scoperta”:
Oddio, ci sono fra poco le elezioni e non ho niente da mettermi…

Ci sarebbe stato tutto il tempo, in questi 5 anni, per un percorso che coinvolgesse in una seria analisi e discussione il mondo più affine agli ideali della sinistra, un percorso in grado di definire una candidatura ampiamente condivisa…

invece no, siamo alle solite…

in poche settimane abbiamo assistito all’auto candidatura (così è stata definita da più parti) del Prof. Aristide Massardo, ex Preside della Facoltà di Ingegneria.
Una candidatura, così è stato scritto, figlia della pressione che sarebbe stata fatta sul Prof. Massardo da “un’ampia fetta di società civile”…

Nulla da eccepire sulla persona, ci mancherebbe, ha un curriculum professionale di assoluto rispetto, però frequento da qualche lustro il mondo dell’associazionismo e dell’impegno della cosiddetta “società civile” e, se anche ci fosse stato un percorso condiviso per sollecitare la sua candidatura, beh, mi sa tanto che sia stato condiviso tra pochi…

Due giorni fa ecco spuntare un altro nome: Paolo Bandiera, avvocato, apprezzato dirigente dell’AISM-Associazione Italiana Sclerosi Multipla.
La sua candidatura è stata definita “Il primo nome davvero espresso dalla sola società civile... lo ha calato sul tavolo, compatto, tutto il Forum del Terzo settore, che riunisce associazioni e enti (laici e non) che si occupano di solidarietà sociale e accoglienza.”

Ma come? Non era il Prof. Massardo il candidato espresso dalla “società civile”?

E comunque anche in questo caso (la candidatura di Paolo Bandiera) non si è avuta notizia di un percorso condiviso ecc ecc…

Probabile quindi che, anche in questo caso, se c’è stato, si tratti di un percorso condiviso tra pochi…

Ieri, infine, la candidatura di Ferruccio Sansa, promossa dalla Comunità San Benedetto al Porto di Don Gallo.
Qui è molto più chiaro: «La possibile candidatura di Ferruccio Sansa è a nostro avviso come Comunità San Benedetto al Porto la migliore opzione, qui e ora, in grado di battere il fronte nero-verde che rischia di ingoiare il paese».

E’ quindi un endorsement ben preciso, che non millanta rappresentatività “a nome della ‘società civile’…”.

Conosco da anni Ferruccio Sansa, gode della mia incondizionata stima e credo che possa essere un ottimo candidato.

Però, tornando all’origine di questa mia riflessione…

l’impressione è che anziché lavorare, come avrebbe dovuto fare da tempo, sulla costruzione di una candidatura ampiamente condivisa, che potesse veramente e concretamente rappresentare il variegato mondo che si riconosce negli ideali e valori espressi dai suoi valori…

…l’impressione è che la “sinistra” locale abbia abbracciato la strategia del sondaggio/casting  tipica dei reality…

si buttano lì un po’ di nomi, controlliamo i social, vediamo quanti likes ottiene l’uno o l’altro…
ed eccolo lì il nostro candidato…

le esperienze, negative, del passato, non hanno insegnato nulla…
si cerca di far trasparire un camaleontico cambiamento ma in realtà non cambia nulla…

“non c’è niente di nuovo/alla luce del sole…”
c’è la solita confusione…

con l’illusione di tirar fuori dal cilindro, all’ultimo momento, “il candidato giusto”, quello in grado di suscitare le giuste emozioni, indispensabili per trascinare “la gente” non solo a votare (e già sarebbe un successo…) ma anche a mettere la crocetta su quel nominativo…

e dire che Lucio Battisti già l’aveva cantato nel 1972 (lato B de “Il mio canto libero”)…
non vi sembra perfetto per l’attuale “sinistra”???…

“Confusione

Confusione
Mi dispiace
Se sei figlia della solita illusione
E se fai confusione
Confusione
Tu vorresti imbalsamare anche l’ultima più piccola emozione”…

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.