dai, un altro “piccolo” sforzo nel ricordo di Sharmy…

dai, un altro “piccolo” sforzo nel ricordo di Sharmy…

 

Dal sogno all’incubo “Io e Sharmi sognavamo di sposarci e fare un altro bambino, il suo lavoro come muratore di edilizia acrobatica ci sarebbe bastato. Oggi è tutto cambiato. E da sola non so più come fare”

 

Con l’aiuto ed il grande cuore di molte persone abbiamo potuto aiutare Valentina ad affrontare con più tranquillità il periodo immediatamente successivo all’improvvisa, grande tragedia che ha colpito il “suo” Sharmy ed ha radicalmente cambiato la sua vita e quella del piccolo Davide.
Occorrerebbe un nuovo, fondamentale sforzo: aiutare Valentina a trovare un’occupazione che possa offrire a lei ed al piccolo Davide uno scenario più solido per il loro futuro…

Un appello raccolto, e rilanciato a tutti i lettori, da Massimiliano Salvo nella bella intervista, pubblicata ieri da Repubblica Genova.

26 gennaio 2020
L’articolo di Massimiliano Salvo
per Repubblica Genova

L’articolo di Massimiliano Salvo
(clicca per ingrandire)

 

“SENZA SHARMI CERCO LAVORO PER CRESCERE IL BIMBO”

Valentina, giura, le sta provando tutte. Invia curricula cartacei e domande online.

Si offre per fare le pulizie in casa, per servire al tavolo, per fare la commessa.
Va in bar, pizzerie, supermercati e grandi catene.

«Non c’è verso. Sinora non ho trovato niente. Ma non mi do per vinta».

Valentina Loriga parla lentamente, con un’espressione che mescola calma e tristezza.

Ha 25 anni, gli occhiali sani e i capelli lunghi tinti di rosso.

«Prima erano castani», racconta. «Ma mi serviva una svolta drastica dopo quello che è successo».

Il riferimento è alla tragedia dello scorso ottobre, quando il suo fidanzato Sharmilan Bramanantha, 25 anni, è stato investito è ucciso da una volante della Polizia mentre era in sella alla sua moto a Cornigliano, proprio sotto casa.

L’inchiesta per accertare le responsabilità della sua morte è ancora nella fase delle indagini preliminari: secondo quanto ricostruito sinora, la volante avrebbe attraversato l’incrocio tra via Dufour e via Cornigliano con il semaforo rosso, scontrandosi con il motorino di Bramanantha che passava con il verde.

Subito dopo la tragedia gli amici di Sharmilan hanno organizzato una raccolta fondi per aiutare Valentina, rimasta da sola con il loro bimbo di tre anni.

A coordinare la beneficenza è stato il circolo Pianacci del Cep con l’aiuto del suo presidente onorario Carlo Besana, che ha visto crescere Sharmilan sin da bambino e si è subito offerto di dare una mano alla sua famiglia.

I settemila euro donati in poche settimane sono stati di grande aiuto per Valentina, che però ora è sempre più preoccupata per un futuro che la vedrà da sola con un bimbo da crescere.

Da quel giorno di ottobre infatti lei non è più entrata nell’abitazione che condivideva con “Sharmi”, come lo chiama lei, ma è andata a vivere insieme al bimbo nella casa della madre, sempre nel quartiere di Cornigliano.

«Per ora mi appoggio a lei e all’aiuto di mia nonna. Ma non posso fare così a lungo e vorrei ritrovare la mia indipendenza. In questo momento però mi sembra un sogno impossibile».

Nonostante la buona volontà, a tre mesi dalla tragedia Valentina non è ancora riuscita a trovare nessun tipo di lavoro.

Oltretutto si scontra con la mancanza del diploma di scuola superiore per non aver terminato l’istituto Firpo Buonarroti, la scuola dove aveva conosciuto Sharmilan.

«Per prendere il diploma da geometra mi ero iscritta alle lezioni serali del Vittorio Emanuele Ruffini, ma la nascita del bambino e la presenza di altri problemi familiari non mi hanno consentito di nuovo di terminare gli studi».

Come se non bastasse, c’è quel lavoro da barista che aveva lasciato l’anno scorso pensando non fosse un problema.

«Io e Sharmi sognavamo di sposarci e fare un altro bambino, il suo lavoro come muratore di edilizia acrobatica ci sarebbe bastato. Oggi invece è tutto cambiato. E da sola non so più come fare».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.