La rimpatriata

La rimpatriata

 

10 gennaio 2016

 

Link all’articolo

(Francesca Sormani, per “Il Giornale di Erba)
LURAGO: Gli attuali 61enni hanno rivisto i vecchi compagni delle elementari e il loro insegnante dell’epoca
CENA “NOSTALGICA” PER LA CLASSE DEL 1964
Un gruppo di ex studenti luraghesi ha organizzato un’allegra rimpatriata presso la baita degli Alpini.
Ospite speciale della serata il maestro che oggi ha 75 anni.
Insieme hanno ricordato i tempi passati

Galeotto fu …Facebook.
E’ stato proprio grazie al social network che un gruppo di ex studenti che nel 1964 frequentava la quarta elementare nella scuola del paese si sono ritrovati a distanza di oltre cinquant’anni per ricordare il tempo passato e far rivivere emozioni che ormai anche la memoria offusca.

Ciò che ha reso ancora più speciale questa rimpatriata dopo oltre mezzo secolo è stata la partecipazione all’incontro del maestro Gerardo Aguglia, oggi 75enne e che negli anni in cui insegnava alla compagine luraghese era poco più che ventenne, un ragazzo neo diplomato.
L’incontro, con tanto di lauta cena e arricchito da fiumi di ricordi e qualche lacrima nostalgica, si è tenuto presso l’accogliente baita degli Alpini di Lurago.

I presenti erano 12, sui 25 compagni di classe di allora (5 sono già deceduti ndr), tutti ovviamente maschi come era tipico delle scuole del passato in cui era netta la divisione tra i due sessi.
Tra i promotori della simpatica iniziativa Carlo Besana, ora residente a Genova, e il luraghese Flaminio Colombo.
I due si sono contattati e hanno deciso di ritrovare i vecchi amici cercandoli proprio attraverso Facebook.
E così, tra un tag e una ricerca, il gruppo si è presto ricostituito.

«Ho incontrato casualmente nel mese di agosto il maestro Aguglia a Como – racconta l’ex alunno Besana – Era una vecchia conoscenza di mio cognato che stava passeggiando quel giorno con me. E’ bastato un attimo per rendermi conto che quell’uomo 53 anni fa era stato il mio maestro. Anche lui mi ha riconosciuto e ha ricordato i nomi di molti altri compagni. Ci siamo lasciati con l’impegno di provare almeno a organizzare una rimpatriata. Ho chiamato Flaminio, vecchio amico, che entusiasta ha accolto la mia proposta e la nostra ricerca è subito iniziata».

E la sfida ha sortito i suoi effetti e quasi tutti i contattati hanno aderito con grande gioia.
Una serata che è stata contraddistinta anche dalla scoperta di aneddoti e rivelazioni.

«Abbiamo risolto il mistero del perché la Fiat 600 blu del maestro si chiamava “Teresina” – raccontano gli ex alunni – Quando eravamo sui banchi non avremmo mai osato domandarlo. La risposta era molto semplice: perché il maestro divideva auto con la sorella Teresina appunto».

E poi ancora tante altre curiosità oltre alle confidenze legate a una vita trascorsa, tra lavoro, carriera, famiglia, gioie e dolori.
Al centro dell’attenzione di tutti è stato certamente il maestro che si è riscoperto quasi un coetaneo dei suoi studenti che oggi hanno 61 anni e che prima di lasciare Lurago ha voluto rivedere la sua vecchia scuola affidando ai «ragazzi» il compito di organizzare presto una nuova rimpatriata.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.