La ricetta

La ricetta

 

24 ottobre 2011

Il Cep al centro di uno studio pubblicato da MicroMega… E’ il risultato di una crescita complessiva del quartiere che, senza che ce ne rendessimo completamente conto, ha varcato i nostri confini di periferia…
Probabilmente ha ragione Paolo De Totero, la componente di vera e proprio “strategia” è minima rispetto alla dose di “buon senso”, istintivo e concreto buon senso, con il quale abbiamo caratterizzato la nostra azione.
Ma anche usare il buon senso, alla fin fine, può diventare “strategia”…

 

Link all’articolo

(Paolo De Totero, per “La Gazzetta del Lunedì”)
Su Micromega l’articolo sulla mutazione del quartiere
CEP, LA RICETTA DEL FARMACISTA CHE TRASFORMO’ L’INFERNO IN CASO
L’autore dello studio lo indica come un esempio di riformismo reale. L’intuizione di Carlo Besana

Vaglielo un po’ a raccontare agli abitanti del Cep che costituiscono un “esempio di riformisno reale” e che, mutuando la frase dalla teoria filosofica di David Kellog Lewis, filosofo americano, noto per lo slogan di Seattle “un altro mondo è possibile”, anche un’altra periferia è possibile.

Provate un po’ a convincerli che Pierfranco Pellizzetti, il docente universitario genovese che ha redatto l’articolo per Micromega parlando di Carlo Besana, il farmacista che quindici anni fa ha intrapreso la strada della riconversione del quartiere dormitorio, non intendeva affatto incorrere in quel culto della personalità che ha marchiato in lungo e in largo il periodo stalinista del regime sovietico e che è assolutamente normale che un intellettuale tragga la sua personale sintesi, magari marchiandola con la “vulgata” più comprensibile per i comuni mortali “la lezione del Cep”.

E ancora provate un po’ a ricordarglielo a quelli che al Cep ci abitano da anni che il loro quartiere, diventato oggi un simbolo, fino a qualche anno fa sui quotidiani veniva sbrigativamente etichettato come il “Bronx” del ponente, tanto che il cronista inviato dalle colline di Nervi a quelle cementificate che si affacciano sui container del porto di Voltri aveva sentenziato “un inferno con vista mozzafiato sul mare”.

Eppure oggi il Cep nato come acronimo di Centro Edilizia Popolare, ma anche per via di quel Bronx diventato “Centro Elementi Pericolosi”, poi nel periodo del rilancio e grazie al farmacista Carlo Besana che voleva sottolinearne la interculturalità, “Cous cous e pesto”, per urbanisti e intellettuali di sinistra costituisce un caso.
Purtroppo non è comunque un esempio da studiare per molti dei nostri politici che hanno via via utilizzato la ricetta del farmacista in maniera strumentale individuando nel quartiere una riserva di voti.

E stasera nel corso del dibattito alla biblioteca Firpo, è probabile che molti dei partecipanti abbiano qualche difficoltà a comprendere che i relatori ed i presenti con diritto di parola, da Don Gallo a Omar Taiebi, dall’assessore Andrea Ranieri all’intellettuale Luca Borzani, dal docente universitario Pellizzetti al giornalista Ferruccio Sansa stanno parlando proprio della loro esperienza.
Dei quindici anni in cui grazie a Besana sono riusciti a trasformare il loro quartiere dormitorio in una “soluzione per il futuro delle periferie urbane”. Così almeno recita un po’ pomposamente il titolo del dibattito.

A loro, ai protagonisti dei quindici anni di storia della Pianacci non sembrerà vero di essere diventati un caso a livello nazionale e avranno la sgradevole sensazione di sentirsi un po’ le cavie di un esperimento seppur riuscito.
Eppure a quanto pare al farmacista costretto nei primi anni a vendere soprattutto siringhe per i tossici, poi reinventatosi il maggior sostenitore di una vivibilità da disegnare nel quartiere, sino a decidere di eleggerlo a residenza pur essendo andato in pensione, tutto deve essere sembrato ineluttabile e naturale come lo è stato il sostegno degli abitanti nonostante le minacce di qualche boss locale della politica.
E così oggi si è arrivati alla celebrazione
E stasera toccherà agli intellettuali ammantare di strategie ciò che forse è stato solo frutto di istinto, improvvisazione e voglia di irridere il parossismo di certa politica.
Quella che si prende, come sempre, troppo sul serio.
Ma stasera è nottata di festa. Al Cep, forse inconsapevoli, hanno centrato l’impresa.

Lasciamoli in pace a gustarsi il senso di una vittoria.
Magari facendo la tara a certe sterili sovrastrutture.

PIERFRANCO PELLIZZETTI
E’ docente di politiche globali all’Università di Genova , è saggista di “MicroMega”. e “Critica liberale”, scrive su “II Fatto Quotidiano”, fra le sue opere più recenti “La quarta via” (edizione Dedalo 2008) e Fenomenologia di Berlusconi (Manifestolibri 2009)
APPUNTAMENTO – Stasera alla Biblioteca Firpo
Il miracolo “Pianacci” simbolo interculturale

Ci sarà don Andrea Gallo, che a Genova non ha bisogno di presentazione.
Ci saranno il presidente della Circoscrizione Mauro Avvenente, il presidente della Fondazione Palazzo Ducale Luca Borzani, l’assessore alla Cultura del Comune Andrea Ranieri, il responsabile del Centro culturale islamico Cep Omar Taiebi ed il giornalista del fatto Ferruccio Sansa.
Parteciperanno all’incontro “Per il futuro la periferia è… centrale – Soluzioni sociali della del Pianacci al Cep”.
L’appuntamento è per questa sera alle 20,45 nella biblioteca “Firpo” di via della Benedicta.
Non mancherà Carlo Besana, fondatore dell’Area Pianacci, al cui lavoro MicroMega dedica un ampio articolo.
Moderatore una vecchia conoscenza del quartiere: Enrico Testino.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.