Cep, periferia al centro

Cep, periferia al centro

 

23 ottobre 2011

Repubblica dedica una pagina intera al Cep, sull’onda del clamore determinato dal reportage di Pierfranco Pellizzetti pubblicato dalla rivista “MicroMega”.
Il Cep, ed una nuova visione della periferia, al centro dell’attenzione pubblica, al centro dell’attenzione della città…
Tanta roba..

Link all’articolo

(Donatella Alfonso, per “Repubblica”)
La rivista MicroMega dedica un lungo reportage alla storia di una vera rivitalizzazione sociale
CEP – PERIFERIA AL CENTRO
Besana :”Addio vergogna, ora i ragazzi si dicono “ceppisti”

Dopo quindici anni, se voglio trovare un significato all’esperienza del Cep e del Consorzio Pianacci vado a vedere su Facebook: i ragazzi si firmano “Sabrina del Cep”, “Marco, Cep”. Ecco quando non c’è più la vergogna, ma anzi c’è il senso di appartenenza, l’orgoglio di vivere in un posto che comunque ha più strutture e occasioni di stare insieme che altrove, allora sì, qualcosa abbiamo fatto. Poi, anche loro, quando se la dovranno vedere con il mondo del lavoro, troveranno i loro svantaggi: ma non è un problema che riguardi solo i ragazzi di qui…”.

Carlo Besana la riassume così, la “lunga marcia” di un quartiere che, nato negli anni Settanta, per oltre vent’anni è stato un simbolo di emarginazione ed ora è diventato un “caso” nel panorama delle periferie italiane.
Tanto che la rivista MicroMega, nel numero in edicola e in libreria da martedì 25, dedica a questo grappolo di cemento sulle colline tra Pra’ e Voltri, ma soprattutto alla sua grande esperienza umana, un lungo reportage firmato da Pierfranco Pellizzetti.

Occasione anche per un dibattito a più voci su un’esperienza che, come Besana ammette, è partita un po’ per caso e un po’ per non morire: di degrado ed isolamento.
Non so se sia un modello replicabile in altre città, è evidente che ci sono state anche delle combinazioni particolari – racconta Besana – io sono capitato lì perché ho rilevato la farmacia, e nello stesso periodo hanno consegnato le chiavi dell’Area Pianacci, dove peraltro non c’era nulla, nemmeno la luce; e c’era bisogno di qualcuno che mettesse insieme i fili, le persone, la voglia di fare. Le persone c’erano, io mi sono dato da fare riannodando questi fili… non escludo che proprio il fatto di essere il farmacista del quartiere mi abbia aiutato: se ti invita il tuo farmacista, una persona che conosci, allora magari esci, vieni a sentire la musica, e ti dai da fare insieme ai tuoi vicini di casa. Anche perché al Cep” sorride Carlo Besana, ora presidente a tempo pieno del Consorzio Sportivo Pianacci “siamo periferia di periferia, visto che siamo già nel Ponente; e al Cep ci si sente periferia anche prima di esserci”.

Però, appunto, a forza di tornei sportivi, di “Ceppions league”, di feste multiculturali tra couscous e pesto, di spettacoli e video, di tanti nomi illustri saliti lassù dove il mare è uno spettacolo pieno di luci, giù in basso, è nato tra i ragazzi che lassù ci sono nati, l’orgoglio di essere “ceppisti”.
Devi capire gli umori della gente. Se con gli anziani e le persone mature è facile parlarsi, con i ragazzi non è facile: e allora sono io che vado a vedere sulle bacheche Facebook. e quando vedo che sottolineano di essere del Cep, allora si, è il significato di tanto lavoro fatto” ribadisce Besana.
Quando sono venuti i tenori a cantare le arie d’opera, le famiglie sono venute vestite elegante anche se eravamo in piazza. E mi sono reso conto che c’erano molti, specialmente del Sud, che conoscevano bene le opere, sapevano quando applaudire e quando no. E allora ti rendi conto che da questi elementi devi capire la gente e cosa vuole”.

 

Domani sera alle 20.45 l’incontro a più voci sull’esperienza Pianacci
In biblioteca a discutere, da Don Gallo agli islamici
L’appuntamento è per le 20.45 di domani sera nel salone della Biblioteca “Firpo” di via della Benedicta (Ingresso da via Martiri del Turchino).
All’incontro “Per il futuro la periferia è … centrale. Soluzioni sociali dalla storia del Pianacci al Cep” promosso da MicroMega e Circolo Pianacci sono stati invitati anche gli esponenti delle istituzioni che hanno partecipato (“a volte con difficoltà e confronto”, si rimarca nell’invito) , al percorso.
Moderati da Enrico Testino, discuteranno Pierfranco Pellizzetti, autore del reportage, Ferruccio Sansa de “Il Fatto Quotidiano”, Don Andrea Gallo, Luca Borzani, Presidente della Fondazione Ducale, l’assessore alla cultura Andrea Ranieri, il presidente del Municipio Ponente Mauro Avvenente, Omar Taiebi responsabile Centro Culturale Islamico Genova Cep, e Carlo Besana

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.