La nuova mail di Scidone??? Dal Pianacci un invito a rispondere a quelle vecchie di otto mesi…

La nuova mail di Scidone??? Dal Pianacci un invito a rispondere a quelle vecchie di otto mesi…
 

1 maggio 2010

 

(Comunicato del 30 aprile 2010)

Apprendiamo, con non poche perplessità, che l’Assessore alla “Città Sicura” Francesco Scidone, per venire incontro ai problemi della sicurezza intrecciando nel contempo un rapporto più diretto con i cittadini “insicuri”, ha varato un apposito recapito di posta elettronica.

Uno strumento al passo coi tempi ed efficace, purché il destinatario si ricordi di usarlo…
Si perché in queste “dimenticanze” l’Assessore Scidone è largamente recidivo …

I fatti

All’inizio del 2009 l’assessore Scidone ed una funzionaria dell’Assessorato ci invitarono a partecipare ad un progetto per la sicurezza con finanziamento già determinato per tutti i municipi.
Per oltre due mesi ben 13 organizzazioni territoriali con capofila il Consorzio Pianacci, lavorarono insieme ed in continuo contatto con la funzionaria dell’Assessorato, un percorso che consentì di identificare una progettazione unica, di rete, per il Municipio VII Ponente.

Successivamente, in modo casuale, e senza alcuna comunicazione da parte dell’Assessorato, si venne a sapere che l’Assessorato aveva finanziato le proposte pervenute da diversi municipi della nostra città, con esclusione del Municipio VII Ponente.
L’assessore municipale M. Rosa Morlè
, che aveva seguito tutto il percorso per conto del Municipio, sconcertata, inviò diverse mail per ottenere chiarimenti, mail che non trovarono mai risposta.
Chiese quindi a noi, in quanto capofila, di farci parte attiva nella richiesta di chiarimenti all’Assessorato.

Una prima mail inviata il 18 settembre 2009 non ebbe risposta.

Una seconda mail del 4 novembre 2009, con allegata lettera inviata per conoscenza anche al Presidente del Municipio Mauro Avvenente, non ebbe sorte migliore, benché, come da verifica telefonica, fosse giunta regolarmente a destinazione.

Nel frattempo è passato quasi un anno, il progetto dell’Assessorato è entrato nel suo secondo anno di attuazione, ne hanno beneficiato alcuni Municipi, sempre escluso il Municipio VII Ponente…

Ecco perché, di fronte all’ennesimo “progetto sicurezza”, con mail annessa (e finanziamento cospicuo…ma, a proposito, che fine hanno fatto i quattrini deliberati per il progetto 2009 in tutti i municipi ed utilizzati solo da alcuni???…) ci viene, di primo acchito, da sorridere….

le conclusioni

…e soprattutto di pensare che avevamo ragione quando, a nome di tutta la rete, enunciavamo l’unica vera “sicurezza” finora palesata dall’omonimo Assessorato : quella relativa alla sua, totale, ed ormai proverbiale, inaffidabilità…

Carlo Besana
Presidente Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci”

(testo della mail inviata il 4 novembre all’Assessore Scidone, mail che non ha mai avuto risposta, così come quella inviata il 18 settembre, così come quelle inviate a luglio…)

Ill.mo Assessore alla “Citta Sicura”
Francesco Scidone
asscittasicura@comune.genova.it
Ill.mo Presidente Municipio VII Ponente
Mauro Avvenente
municipio7presidente@comune.genova.it

da Consorzio Sportivo Pianacci, capofila della rete territoriale composta da Consorzio Sociale Agorà, Cooperativa Sociale Villa Perla, Cooperativa Sociale Omnibus, Associazione La Giostra della Fantasia, Anspi Genova, Associazione Teatrale Waltersteiner, Associazione Tempo Libero (Quartiere San Pietro), Comitato di quartiere Torre Cambiaso, Comitato di quartiere di via Novella, Comitato di Quartiere Ca’ Nuova, Comitato di quartiere Voltri 2.

Genova, 4 novembre 2009

Ill.mi Assessore Scidone e Presidente Avvenente,

Vi scrivo a conclusione dell’incontro tenutosi in municipio, presenti l’assessore Morlè e, in rappresentanza della Divisione Territoriale, la facilitatrice Let Gianna Piccardo, nel corso del quale è stato ribadito che la proposta progettuale presentata (nell’ambito dell’iniziativa dell’assessorato alla “Città sicura” del Comune di Genova per la realizzazione di azioni territoriali volte al miglioramento della sicurezza nella zona del Ponente Genovese, da diversi soggetti territoriali ed avente quale capofila il Consorzio Sportivo Pianacci) non è stata presa in considerazione dall’Assessorato in quanto non presentata dal Municipio ma da soggetto terzo.

Se non avessi avuto l’opportunità, proprio nell’incontro tenutosi in Municipio, di avere conferme da parte di tutti gli altri soggetti coinvolti in merito alle procedure seguite, le stesse più volte indicate dalla Dr.ssa Costanzi, funzionaria dell’assessorato alla Città Sicura, comincerei ad avere dubbi sulla bontà delle mie funzioni cerebrali.

Il progetto, denominato “Sicurezza a Ponente 2009”, è il frutto di un importante e prezioso lavoro di condivisione tra diversi soggetti territoriali, istituzionali e non, già da tempo vero e proprio patrimonio del nostro territorio; proprio per questo la sollecitazione, espressa dalla Dr.ssa Costanzi lo scorso 2 marzo, ad elaborare un progetto condiviso sul tema della sicurezza con un particolare riferimento a positive pratiche di socializzazione, ha rappresentato per tutti noi un vero e proprio “invito a nozze”.
Il fatto che, come da precisa affermazione della Dr.ssa Costanzi, venisse finanziato un progetto in ogni municipio, rafforzò la scelta di un progetto unico tra i diversi soggetti territoriali, peraltro già abituati a positivi percorsi di rete, anziché presentare progetti diversi.
Il Municipio, nella seduta di giunta del 18 marzo, deliberò il sostegno al progetto “promosso dal Coordinamento dei Comitati dei quartieri collinari”, condividendone l’attuazione.

Gli incontri tra i rappresentanti dei Comitati e quelli delle Associazioni territoriali coinvolte portò ad un’innovativa formulazione di priorità di interventi alle quali i diversi soggetti hanno aderito, attraverso la definizione e condivisione di un protocollo d’intesa rappresentante un vero e proprio impegno di ogni soggetto nelle azioni indicate, indipendentemente dal fatto che le stesse fossero previste o meno nel territorio specifico d’interesse .

Risparmio, in funzione di una (spero) più piacevole “brevità”, alcuni “incidenti di percorso”, quali ad esempio l’incontro del 27 marzo, che con buona volontà furono interpretate come “incomprensioni” e superate, sempre su indicazione della Dr.ssa Costanzi, con la redazione del progetto definitivo nei tempi dalla stessa indicati e con la definizione di un soggetto capofila, individuato nello scrivente Consorzio Sportivo Pianacci. Ci furono ampie assicurazioni in merito alle tempistiche di intervento (già dall’estate 2009), in quanto i fondi necessari risultavano già deliberati ed immediatamente disponibili.

Da allora nessuna notizia né, purtroppo, alcuna risposta né alla mail inviata il 27 luglio all’assessore alla Città Sicura dall’assessore Rosa Morlè né alla mail inviata dal sottoscritto in data 18 settembre che riporto in calce alla presente.

L’Assessore Morlé ha potuto conferire di recente con la Dr.ssa Verdona, la nuova funzionaria che sostituisce la Dr.ssa Costanzi, e, oltre ad avere conferma sul fatto che il nostro progetto non sia stato preso in considerazione, ha avuto, come controproposta, la possibilità che qualche spicciolo possa essere “ritagliato” da altri progetti a nostro beneficio o che, in ogni caso, si possa ripresentare lo stesso ad un nuovo bando affinché venga finanziato il prossimo anno.

Ne converrà, caro assessore, che, come dicono in Veneto, “Xe peso el tacòn del buso”….non stiamo mendicando spiccioli, vorremmo solo che i percorsi partecipati , tanto auspicati, a parole, dalla Civica Amministrazione possano essere, dalla stessa, tenuti in debita considerazione quando, come in questo caso, si manifestano nella loro preziosa concretezza.

Inoltre, e mi corregga se sbaglio, un bando, in quanto tale, non dà alcuna certezza ai partecipanti; in caso contrario si potrebbe tranquillamente parlare di “banda”, e non sarebbe un banale esercizio da “Settimana Enigmistica”.

Insomma, avrà sicuramente inteso che l’irritazione, mista a profonda delusione, è più che palpabile in tutti i soggetti che, in qualità di capofila, sono stato delegato a rappresentare e che sono intenzionati a far conoscere alla città, attraverso una conferenza stampa, l’unica vera “sicurezza” finora palesata dall’omonimo Assessorato: quella di una profonda confusione e di un’altrettanto, sconcertante, “insicurezza” (o inaffidabilità) nelle sue dinamiche.

Un cordiale saluto

Carlo Besana
Presidente dell’Associazione “Consorzio Sportivo Pianacci”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.