I 1000 al PalaCep per Bandabardò

I 1000 al PalaCep per Bandabardò

 

25 aprile 2010

PalaCep 2010, Concerto Bandabardò
(clicca per ingrandire)

Proprio un bell’evento….

Già dalle prime ore della giornata avevo avuto percezioni piacevoli; bellissimo, oltreché inusuale, vedere un bel numero di volontari, giovani (in gran parte non ancora trentenni), e tutti espressione dell’Anpi Ansaldo… (bisognerebbe farlo sapere all’ennesimo “sapientone” leghista, il presidente del Veneto Zaia, quello che li paragona ai vietcong…)…
poi che dire dell’attrezzatura audio-luci , degna di concerti da stadio…
benché allestito in tempi strettissimi, l’evento promosso da Provincia di Genova ed Anpi Ansaldo ed ospitato al PalaCep oltre a dare positive percezioni aveva avuto, fin dal primo mattino, anche la cornice di una bella giornata di sole…

Temevo moltissimo, però, una scarsa affluenza all’appuntamento istituzionale, con l’esibizione della corale “Città di Genova”, che ha accompagnato l’attrice Rachele Ghersi, e gli interventi delle autorità che hanno celebrato anche il primo anniversario del conferimento della medaglia d’oro al merito civile alla Provincia di Genova; invece ben 200 persone hanno “scelto” di assistere all’impegnativo “il prezzo della libertà”, un affresco di struggenti testimonianze legate al ricordo degli eventi accaduti 65 anni fa, ed ogni anno giustamente commemorati.

Con il passare dei minuti, e nell’attesa dell’esibizione del gruppo Bandabardò, il PalaCep si è via via sempre più popolato di moltissimi giovani.

Il gruppo toscano ha potuto così esibirsi con la cornice festosa di oltre 1000 fans, che hanno accompagnato in coro tutto il concerto, mentre il maxischermo, montato a lato del palco, offriva ininterrottamente filmati legati agli eventi del 25 aprile 1945.

Un particolare significativo: il gruppo non aveva previsto in scaletta “Bella ciao”; improvvisamente, però, durante un brevissimo break tra un brano e l’altro, le note di “Bella ciao” sono state intonate in coro, ed in modo sempre crescente, proprio dai giovani in platea, che hanno di fatto piacevolmente “costretto” la band a seguirli .

Hanno avuto molto successo anche gli “Amici di Beppe Grillo” di Genova, il cui tavolo per la raccolta di firme per il referendum contro la privatizzazione dell’acqua è stato letteralmente preso d’assalto; ed anche la presenza del Solidarbus di Music for Peace è stata molto apprezzata, con un buon numero di adesioni alla raccolta di generi alimentari per i progetti dell’associazione.

Insomma, una bella serata…
e per la prima volta il PalaCep si è riempito di soli giovani…

 

Link al mio album fotografico su Fb

 

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.