la nausea…

la nausea…

Quel giorno nessun altro impegno…
men che meno dover entrare in una soffocante cabina elettorale,
prendere in mano un foglio di carta illustrato con simboli nauseabondi,
e dover scegliere tra il marcio e la muffa

Lo confesso…

sto seguendo questo inizio di campagna elettorale (inizio per modo di dire, siamo sempre in campagna elettorale) con un distacco mai avvertito in passato…

che poi, se uno cerca di superare “il distacco” ponendo attenzione sulle dinamiche in atto, la voglia di distaccarsi del tutto si accentua…

da un lato vedo gli inquietanti personaggi che ancora una volta imbarcano quello che promette dentiere, alberi e quattrini, una sorta di tentativo di olgetizzazione dell’elettorato

dall’altra viene imbarcato uno che tempo fa, non appena eletto con quello schieramento se ne è poi andato per conto suo, pontificando manco fosse il Messia (o il Messi) della politica
ed ora rieccolo lì, portandosi appresso due fedelissime di quell’altro, due che votarono (come la sorella d’Italia) a sostegno della tesi che Ruby, la notte del 27 maggio 2010, fosse veramente per lo Stato italiano la nipote di Mubarak

e poi quell’altro, il “ministro Poltrone&Sofà”, quello che per dimostrare quanto sia nuova la sua proposta politica riesuma uno che era già presidente di regione nel 1987, quando il “nostro ministro” era ancora vestito di pannolini e ciripà

per non parlare di quello più antipatico, quello che non batte ciglio manco quando, dopo aver perso milioni di voti, perde anche la faccia…
quello che aveva promesso di andarsene se avesse perso un referendum, poi ha perso tutto, non solo il referendum, ed è ancora lì, a voler impartire a tutti la sua “lezione politica”
che sarebbe un po’ come affidare il “corso nazionale per centravanti aspirante capocannoniere” ad Egidio Calloni

il distacco assume sempre più le sembianze di una nausea crescente…

fortunatamente nel mese di agosto ci saranno gli europei di atletica leggera, poi a settembre quelli di basket

avrò gli strumenti per distrarmi da questo nauseabondo delirio politico, ed arrivare indenne al 25 settembre

quella è una data che io e Susanna festeggiamo sempre…
è una delle “nostre ricorrenze”, e quest’anno raggiunge quota 39 (anni)…

quel giorno nessun altro impegno…

men che meno dover entrare in una soffocante cabina elettorale, prendere in mano un foglio di carta illustrato con simboli nauseabondi, e dover scegliere tra il marcio e la muffa…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.