La gente del Basket

La gente del Basket

 

27 febbraio 2014

 

Link all’articolo

La gente del basket
(di Luca Corsolini)

Un giornale è fatto di articoli e fotografie. Da amante dei giochi di parole, aggiungo che un giornale, un giornale vivo, è fatto anche di una preposizione.
Non semplice: articolata.
A me piacerebbe che Basket Magazine diventasse in fretta un giornale del basket. Non di basket. Sembra una differenza da poco, invece c’è dentro tutto un mondo.

C’è Marco Belinelli che vince per sé, per noi tutti, per quelli che ormai conoscono solo l’NBA e ignorano il resto, la gara di tiro da tre, e finalmente conquista un posto per la causa del basket sui media e nelle chiacchiere della gente che ormai ha eletto il marchio NBA come misura dell’eccellenza.
Belinelli non è solo nell’NBA, e non soltanto per la compagnia di Bargnani, Datome e Gallinari. Non è solo perché Belinelli, detto senza arroganza, siamo noi: la Serie A, i campionati minori, il basket in carrozzina, il minibasket e i tornei master, giocatori e allenatori, arbitri e dirigenti, professionisti e volontari, tifosi, appassionati. La gente del basket.

C’è Monica Bastiani che si inventa un ebook bar a Brindisi, dimostrando di avere cervello e coraggio, a ribadire, come cantavano Sabrina Salerno e Jo Squillo, che oltre le gambe c’è di più. Basta saper distinguere, non lasciare che la passione delle giocatrici appassisca per un’offerta scolastica e mediatica quasi solo pallavolistica.

C’è l’NBA Basket Zena, squadra modello della A2 femminile. Porta sulle maglie uno slogan di don Gallo che ci invita a essere trafficanti di sogni. E don Gallo, nella quasi ignoranza generale, era un allenatore di basket. E ha uno sponsor, la squadra presieduta da Carlo Besana, Almo Nature, che ha già fatto qualcosa di straordinario: visto che si occupa di alimenti per cani e gatti, ha voluto aiutare la Sardegna alla sua maniera, spedendo nei canili che pure hanno sofferto l’alluvione un numero di pasti non casuale ma legato ai punti segnati, agli assist serviti,al numero di spettatori presenti nel turno prenatalizio dei campionati di A.

C’è il Basket Book Day organizzato a Torino dall’Auxilium che è diventato, a febbraio, una mostra dei libri scritti e disegnati dagli oltre 1.500 ragazzi avvicinati al basket anche e soprattutto in questo modo, dando loro 24 pagine per raccontare storie di emozioni e, in sintesi, di pallacanestro.

Bastano quattro storie per giustificare la mia preferenza per un giornale che sia fatto anche di una preposizione articolata. “Di” restringe l’azione, “del” la allarga.
Perché poi del basket ci parlano i social network, la moda, la cultura, persino la politica, insomma il mondo che abitiamo e che abbiamo smesso di frequentare rintanandoci nelle nostre palestre e nei nostri palasport.
È ovvio che saremo presenti, e in maniera massiccia, sui nuovi media; una diretta basket collettiva sarà presto il nostro club non esclusivo ma inclusivo per alimentare Basket Magazine, il mensile, e DailyBasket, il “quotidiano h24”.
Saremo su tutti i campi, nelle edicole, nei negozi, nei bar, nei ristoranti, ci inventeremo eventi e altri li suggerirete voi: where basket, wear basket. Dove c’è il basket, ed è dappertutto, ci presenteremo con la divisa del basket.
Non serve aggiungere altro, se non un invito a tutti a prepararsi: questo è, già adesso, il vostro giornale.

Restano però due righe. Una per ringraziare della fiducia chi mi ha affidato questo ruolo.
L’altra per mandare a nome di tutti, redazione e lettori, un cinque alto a Werther Pedrazzi che ha chiesto un cambio per rifiatare e dedicarsi a una partita più impegnativa.
D’altra parte, i campioni non disprezzano la panchina: ci si siedono solo il tempo che serve per ripartire più forti di prima.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.