La lite finisce in tribunale

La lite finisce in tribunale

 

2 luglio 2011

E vabbé, affronteremo anche questo ostacolo.
Quando si è certi di essere dalla parte della ragione, ed io lo sono, non bisogna aver paura di nulla.
Men che meno di uno dei tanti parolai che stanno affollando, ed affossando, la nostra scena politica…

 

Link all’articolo

(Corriere Mercantile)
Parole di fuoco durante una trasmissione televisiva da parte del deputato Idv
FRA PALADINI E BESANA LA LITE FINISCE IN TRIBUNALE
Il leader locale dell’Idv ha presentato querela per diffamazione nei confronti del gestore e dell’ideatore della Pianacci del Cep

La contesa sembrava essere stata pacificata. Invece, inattesa, la coda velenosa che ha stupito un po’ tutti nell’ambiente del centro sinistra genovese di cui, in fondo, i due antagonisti fanno parte. Persino don Gallo, il prete di strada con il suo sigaro in bocca, aveva cercato di metterci una parola buona tentando di riportare sulla retta via le due “pecorelle” che, nel corso di una trasmissione televisiva, avevano perso di vista la strada dell’unità.

Protagonisti della diatriba, che finirà fra i corridoi del tribunale, il parlamentare dell’Idv Giovanni Paladini, leader locale del partito di Antonio Di Pietro e promesso sposo alla bella Marylin Fusco, vicepresidente della giunta regionale, e il leader della Pianacci Carlo Besana.
Proprio Giovanni Paladini, infatti, ha deciso di querelare Besana per diffamazione a causa di un articolo apparso su un noto quotidiano locale in cui proprio Besana raccontava la sua versione dei fatti.

Tutto accadde in una lontana sera del febbraio 2010, nel corso della trasmissione televisiva “Destra sinistra” condotta dal bravo Davide Lentini.
Di li a poco ci sarebbero state le elezioni regionali, competizione nella quale Besana era impegnato direttamente all’interno della lista civica di Claudio Burlando. Paladini, sosteneva la sua futura moglie, che, candidata dell’Idv, avrebbe avuto la fortuna di diventare il braccio destro del Presidente.

All’origine della contesa il Palacep a cui Besana ha affidato gran parte del suo lavoro dopo la pensione.
«Le parole di Paladini nei miei confronti spiega furono parecchio dure e profferite davanti a testimoni, da Lentini, a Lorenzo Basso, il segretario regionale del Pd a Edoardo Rixi consigliere regionale della Lega. Talmente dure da sconfinare nelle minacce. Ovviamente replicai anche se in maniera pacata».

Con il passare del tempo Besana aveva chiesto chiarimenti sul comportamento del leader del partito alleato di Burlando.
«A Basso – racconta – ma non ho ricevuto risposta, poi ho inviato anche una lettera all’onorevole Antonio Di Pietro, per iscritto e per email. Anche lì nessuna risposta. Lo stesso Don Gallo si è offerto di fare il mediatore e di fard fare pace. Non è accaduto nulla».
Sembrava che tutto dovesse finire lì.

Senonché, proprio qualche tempo fa, ma comunque a distanza di oltre un anno dall’accaduto, Besana è tornato sull’episodio raccontando quanto era successo a un giornalista di un quotidiano locale che ha pubblicato tutto sul suo foglio.
«Il risultato – spiega Besana – è stata questa denuncia per diffamazione da parte dell’onorevole Paladini. A questo punto altra a continuare a pensare di avere fondamentalmente ragione e che nella reazione del parlamentare dell’Idv c’erano ragioni recondite per precedenti dissapori, l’Idv aveva richiesto il palacep per la chiusura della campagna elettorale senza riuscire ad   ottenerlo, io credo che un parlamentare italiano debba occuparsi di altro per il bene della sua città. Comunque vada a finire sono deciso ad andare sino in fondo, visto che la vera vittima di tutta questa situazione sono soltanto io».

 

Link all’articolo

(Il Secolo XIX)
Minacce e carte bollate
PALADINI QUERELA BESANA, E’ UN CASO PER BURLANDO
L’ex farmacista chiede chiarezza a Pd e IDV

DAL RUMORE alle carte bollate per arrivare a una richiesta di chiarimento politico (allo stato inevasa) avanzata sia al presidente della Regione Claudio Burlando, sia al leader dell’Idv, Antonio Di Pietro.
Tutto era nato mesi fa con la denuncia contro Carlo Besana, anima delle iniziative del Cep.
Il reato? Rumori molesti.. Con concerti.

E pensare che pure Gino Paoli era stato sul palco e, a commento di quanto accadeva all’epoca, disse che “qualcosa di politico dietro doveva esserci“.
Il politico poteva essere una vendetta, così si parlò all’epoca, dell’IDV contro Besana per non avere concesso la tensostruttura dell’area Pianacci per la convention della campagna elettorale delle regionali. Dove Besana era a sua volta candidato nella lista dei presidente Burlando.

Apriti cielo. Giovanni Paladini, deputato Idv e leader dei dipietristi genovesi, non accettò quella dietrologia politica.
Besana che non le manda mai a dire replicò. E descrisse le espressioni minacciose di Paladini. Per Besana con tanto di diretta e fuori onda a “DestraSinistra” di Primo Canale.

Besana si ritrova indagato per il “rumore”. E querelato da Paladini. E il caso è ormai ampiamente politico.
«Vincerò sicuramente la querela  – disse Paladini – non ho minacciato e ho i testimoni. Il risarcimento lo darò al Cep per dimostrare che non c’è solo Besana che lavora per loro».
E Besana? «A quella trasmissione c’era Lorenzo Basso, segretario regionale Pd, che stimo come persona corretta. Ho scritto a lui, come al presidente Burlando e all’onorevole Di Pietro per affrontare la questione politicamente. Paladini si domanda perché non ho denunciato? Mi è capitato al Cep, solitamente placata la situazione, o ci si parla o la cosa finisce li. Querelare un parlamentare? E la commissione per le autorizzazioni? Via...»

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.