La Befana fa “Brum Brum Brum” – Contro la gronda una “chanson publique”

La Befana fa “Brum Brum Brum” – Contro la gronda una “chanson publique”
 5 gennaio 2010
 
 

L’ultimo video-provocazione realizzato con Gibellini coinvolge i comitati antigronda, Don Gallo e la Comunità di San Benedetto con un rifacimento della canzone “Zum Zum Zum” che, nella nuova versione, diventa “Brum Brum della gronda”.

 

 

Ne mancano ancora 4-5 di canzoni per arrivare alla pubblicazione del primo CD di provocazione politica ma si sta lavorando di buona lena per raggiungere l’obiettivo e martedì 5 gennaio, in tarda sera, è stata lanciata la 4° canzone della serie : “Brum brum della gronda” rifacimento del noto “Zum Zum Zum” lanciata da Sylvie Vartan nel 1968.

Le precedenti canzoni (tutti i links nella sezione videocazzeggi) sono state: “A te” (dicembre 2008, “dedicata” a Marta Vincenzi), “Il tango della ronda” (agosto 2009) e “La canzone dell’Acquasola” (dicembre 2009).

La canzone è dedicata alla Gronda… e soprattutto si concentra sul sottolineare, sempre con modalità divertenti e burlesche, la mancanza di vera partecipazione che, nello specifico questa giunta comunale, sta attuando nella realizzazione di importanti opere e infrastrutture cittadine e regionali.
La vera partecipazione prevede infatti che ai cittadini venga data la possibilità di DECIDERE e non solo essere CONSULTATI nella progettazione della loro vita sui propri territori e nelle comunità di appartenenza.

Anche questa volta si è formata automaticamente una squadra di amici, ognuno competente in qualche ruolo, che ha in pochi giorni preso contatti e realizzato il video grazie anche alle capacità magiche di Sergio Gibellini che, pur contraddicendo tutte le norme per effettuare con calma un buon video, sfodera con una velocità disarmante prodotti ottimi per il livello ludico (come partenza) al quale sono destinati.

Il tema è di quelli caldi e ha incontrato il favore dei Comitati e di Don Gallo che, saputo della iniziativa ha chiesto espressamente di comparire e partecipare al video con i ragazzi della sua Comunità.

Il tam tam in rete è già iniziato … Il video provocazione che ha avuto più successo fu, lo scorso agosto, “Il tango della Ronda” che ha ottenuto 20mila visualizzazioni in poco tempo e oggi ha già ottenuto circa 35.000 visualizzazioni mettendo insieme le due principali pubblicazioni su youtube (più o meno quelle ottenute dal discorso di Capodanno di Napolitano)

Potrebbe essere evitata cercando altre soluzioni di mobilità sostenibile e, sopratutto, non è stato possibile visionare studi capaci di porsi come oggettivi dati di partenza per una verifica di fattibilità.

Nonostante le proteste della gente affinché si evitino sprechi di soldi e danni alla salute ed all’ambiente, nonostante il trasporto pesante su gomma sia obsoleto e non in crescita, nonostante non si trovino i soldi neppure per mantenere e migliorare le strutture esistenti, i politici “bipartisan” sembrano solo preoccupati di spendere ad ogni costo gli ingenti finanziamenti destinati a tale opera: quel che importa è il volume di cemento colato e del terreno ricco di amianto rimosso per i nove chilometri di gallerie!

In molte zone oggi tranquille il silenzio sarebbe sostituito dal “brum brum brum” degli scavatori e dei mezzi che percorrerebbero i viadotti.

Soprattutto noi sottolineiamo che si è fatto passare come momento di democrazia partecipativa un dibattito pubblico (anzi, il Debat Publique.. come ha voluto chiamarlo l’amministrazione) organizzato dagli amministratori non nel momento della programmazione ma già in fase progettuale, quindi non per accogliere i pareri della gente ma per informarla di decisioni già prese; si è offerta ai cittadini solo la possibilità di scegliere fra cinque opzioni di tracciato autostradale, escludendo aprioristicamente la cosiddetta opzione zero, l’ipotesi cioè di non fare l’autostrada e di risolvere altrimenti i problemi della mobilità cittadina.

Partecipare è avere la possibilità di decidere e non di essere semplicemente consultati.

A lungo andare, però, la gente potrebbe anche stufarsi di essere presa in giro; ed è bello pensare che, prima o poi, sia proprio il grande coro della gente a scavare meglio delle ruspe con un brum brum brum in grado di far crollare i comportamenti sclerotizzati del palazzo del potere.

 

IL TESTO

Brum Brum della gronda
(Amurri, Canfora, Besana)

Purtroppo è toccata a noi

la giunta dall’aria spocchiosa

Che pensa e decide ogni cosa

e a destra ha una sponda per fare la gronda

brum brum brum brum brum

brum brum brum brum

perché chiedere il parere della gente

tanto poi quello che dice

frega niente e c’è qualcuno

che in francese ci ripete, meglio il

brum brum brum brum brum

brum brum brum brum brum

brum brum brum brum brum

brum brum brum brum

una volta nella valle c’era il gallo

che svegliava i contadini ora invece c’è qualcuno

che ha deciso che la sveglia la dà il

brum brum brum …

Però se va avanti così

Ti fan sulla testa un viadotto

E quelli che abitan sotto

In quattro e quattr’otto dovran far fagotto

E brum brum brum brum brum

brum brum brum brum

C’è un orchestra fatta di amministratori

Con strumenti come ruspe,

escavatori, caterpillar

ed un coro di assessori che fa

brum brum brum …

ed attorno tanta gente assai sgomenta

con un gruppo di vecchietti che abitava nella valle

e gli girano le palle , e fan

brum brum brum …

fino ad oggi han deciso solo loro

ma mi viene da pensare che potremmo anche scavare

con un coro che li fa crollare e fa

brum brum brum …

brum brum !

 

(dalla rassegna stampa)

Link all’articolo
Link all’articolo
Link all’articolo

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.