I questuanti 2.0 e la moltiplicazione dei pani e dei pesci…

I questuanti 2.0 e la moltiplicazione dei pani e dei pesci…

29 aprile 2017

(Dal Vangelo secondo Marco, 8,1-10) 

In quei giorni, essendoci di nuovo molta folla che non aveva da mangiare, chiamò a sé i discepoli e disse loro: «Sento compassione di questa folla, perché già da tre giorni mi stanno dietro e non hanno da mangiare. Se li rimando digiuni alle proprie case, verranno meno per via; e alcuni di loro vengono di lontano». Gli risposero i discepoli: «E come si potrebbe sfamarli di pane qui, in un deserto?». E domandò loro: «Quanti pani avete?». Gli dissero: «Sette». Gesù ordinò alla folla di sedersi per terra. Presi allora quei sette pani, rese grazie, li spezzò e li diede ai discepoli perché li distribuissero; ed essi li distribuirono alla folla. Avevano anche pochi pesciolini; dopo aver pronunziata la benedizione su di essi, disse di distribuire anche quelli. Così essi mangiarono e si saziarono; e portarono via sette sporte di pezzi avanzati. Erano circa quattromila. E li congedò. Salì poi sulla barca con i suoi discepoli e andò dalle parti di Dalmanùta.

 

PENSIERINO DELLA NOTTE

In questo periodo di campagna elettorale, se si ha la pazienza (ed il tempo) di leggere con attenzione i post “genovesi”, non si fa fatica ad individuare la gran mole di opportunisti…

quelli che fino a qualche settimana fa non si sbilanciavano, troppo presto…

poi, fiutato dove potesse (forse) portare l’aria, hanno cominciato a commentare con una sdolcinatezza che manco le teenager i post di questo o quel candidato di quella compagine, quella in quel momento ritenuta più “papabile” rispetto ad altre…

e con il passare dei giorni la sdolcinatezza si trasforma, progressivamente, in “peana” veri e propri anche verso stronzate colossali, salutate con l’entusiasmo di solito riservato ai grandi comici….

sono i questuanti 2.0, quelli che aspirano ad essere lì, il 12 giugno, pronti a prendere parte alla distribuzione dei pani e dei pesci….

spero proprio che, unitamente ai beneficiari delle loro disgustose “coccole”, prendano una sonora tranvata anche loro….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.