Io, Susanna, e “lui”, Silvio…in pigiama?…

Io, Susanna, e “lui”, Silvio…in pigiama?…

a qualcuno di voi è mai capitato di trovarsi a non più di 5 metri da Silvio Berlusconi, in pigiama o in vestaglia?

beh, a me e Susanna è capitato, proprio ieri…

però, niente…non siamo riusciti a vederlo…

e ci sentiamo come quelli che vanno a Roma senza vedere il Papa…
che, a pensarci bene, siamo recidivi…ci è capitato pure quello…

Ma andiamo con ordine.

Come noto Silvio Berlusconi in questo periodo è ricoverato all’Ospedale San Raffaele di Milano, pare per un’infezione alle vie urinarie.
Di norma utilizza la Presidential Suite, una suite esclusivamente a sua disposizione, ma questa volta ha scelto un’altra sistemazione, la stessa (al 7^ piano) utilizzata in passato in altre occasioni.

Ieri ero al San Raffaele con Susanna, che doveva sottoporsi ad un intervento chirurgico (a proposito: tutto ok, siamo già tornati a casa).

Beh, la camera assegnata a Susanna era proprio lì, nello stesso corridoio in cui si trova la camera in cui è ricoverato l’ex Presidente del Consiglio, un paio di camere più avanti, dietro l’angolo conclusivo del corridoio, a non più di 5 metri di distanza…

ovviamente quel lembo di corridoio (ed un paio di spazi attigui) erano occupati da appartenenti allo staff sicurezza, al fine di garantire la comprensibile, necessaria riservatezza.

Nel pomeriggio, quando Susanna è stata riportata in camera dopo l’intervento, ho dovuto attendere qualche minuto in corridoio e, come accade in queste situazioni, ho camminato su e giù per scaricare la sia pur minima tensione…

e così, soprappensiero, sono arrivato all’altezza della sedia occupata da uno dei “sorveglianti” e, senza rendermene conto, ero arrivato fino all’angolo sulla destra…

proprio in quel momento, volgendo lo sguardo, ho visto che la porta della “sua” camera era aperta, e sulla soglia c’era Antonio Tajani che stava conversando con qualcuno che si trovava all’interno…

per un attimo ho pensato che potesse materializzarsi proprio “lui”, avvolto in una vestaglia firmata da Renzo Piano e Dolce&Gabbana, con il volto sormontato da una luce divina e con il coro degli angeli sulle note di “Meno male che Silvio c’è”…

avrei potuto precipitarmi a baciargli le mani, ringraziandolo con devozione per aver fatto toccare con mano, per molti anni, a me ed a tutti gli altri tifosi del Milan, le divine sensazioni del paradiso calcistico

avrei…ma non ho potuto…

in un nanosecondo il mio sguardo ha incrociato quello del “sorvegliante”, che pur non battendo ciglio mi ha dato, non so perché, l’impressione che forse per me sarebbe stato meglio tornare all’espressione pensierosa e preoccupata del devoto marito nei confronti della moglie da poco uscita dalla sala operatoria…

forse è stata solo una mia impressione, ma ho fatto così, perdendo forse un’occasione irripetibile…

avrei potuto raccontare a “lui” di quella volta in cui, nel giorno del suo compleanno, come mio “regalo” misi in rete un video di mia realizzazione, proprio ispirato dalle sue note imprese…

un video che ha potuto contare su una prestigiosa tavola, opera dell’artista Franco Buffarello, e che vede protagonista, all’inizio ed alla fine, l’amico Antonio Pertichini, che ci ha lasciati pochi mesi fa…

anzi, lo riguardo e lo posto qui sotto…

che poi, dopo averlo rivisto, forse è meglio sia andata così…


mi sa che non gli avrebbe fatto molto piacere…

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.