ha deciso che il tempo trascorso senza il suo “Giannone” fosse già troppo…

ha deciso che il tempo trascorso senza il suo “Giannone” fosse già troppo…

un impegno nel mondo dell’inclusione sociale svolto da Mara per diversi lustri, con assoluta dedizione, senza le “luci della ribalta”, ma con l’inconfondibile luce che sempre accompagna chi mette l’altro al centro del suo impegno

Esattamente due mesi fa abbiamo trascorso con lei, con i suoi figli e con altri amici una spassosissima serata in pizzeria, a Desio, dopo la partita vinta “in volata” da Cantù su Udine, le due squadre che prima di quell’incontro si dividevano il primato in classifica della Serie A2 di basket…

una partita nel corso della quale le venne consegnata una maglia celebrativa realizzata dalle due società per lei, un bel gesto nel ricordo di suo marito Gianni, uno dei più importanti personaggi della storia del basket italiano, che da dirigente aveva contributo alla crescita di entrambe le società e che era mancato alcuni mesi prima.

Una delle due maglie riportava il numero 8 rovesciato in orizzontale, il simbolo dell’infinito, esattamente la misura dell’affetto che tutto il mondo del basket nutriva per Gianni e che, tramite lei, si voleva far arrivare fin lassù…

le maglie celebrative consegnate a Mara Corsolini – foto La Senza Photos – Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)

oggi quell’otto “rovesciato” è il simbolo dell’infinito dolore che proviamo per l’improvvisa scomparsa di Mara, che poche ore fa ha deciso che il tempo trascorso senza il suo “Giannone” fosse già troppo…

già domattina, al bar dell’aldilà, potrà finalmente tornare a fare colazione con lui, con le immancabili “brioches che fan dimagrire”…

quando viene a mancare qualcuno si tende, spesso in modo fastidiosamente ipocrita, a ricordarne solo le qualità…

beh, nel caso di Gianni e di Mara non c’è bisogno di scomodare l’ipocrisia…

con loro abbiamo perso, in pochi mesi, due persone veramente speciali, che si sono fatte apprezzare sia per la simpatia dirompente, l’impareggiabile autoironia e la grande predisposizione al “cazzeggio”, che hanno saputo mantenere anche quando la vita li ha posti di fronte ad improvvise difficoltà (negli ultimi anni sia Mara che Gianni hanno avuto necessità, per muoversi, del supporto di carrozzina), che per l’impegno concreto nel variegato mondo dell’inclusione sociale.

Un impegno, quest’ultimo, svolto da Mara per diversi lustri, con assoluta dedizione, senza le “luci della ribalta”, ma con la luce che sempre accompagna chi mette l’altro al centro del suo impegno (vedi, giusto per una sintesi, quanto pubblicato proprio due mesi fa….).

Ci stringiamo con infinito affetto ai tre figli, Claudia, Chiara e Luca, nostri carissimi amici, ai quali non occorre chiedere di prendere il testimone dai loro genitori…

sono già da tempo immersi nel meraviglioso, profondo solco lasciato da Mara e Gianni…

proprio come capita nelle più belle famiglie…

Link all’articolo
“Scusi, avrebbe un paio di quelle brioches che fan dimagrire?…” (Gianni Corsolini al “Bar dell’aldilà”…)
18 febbraio 2021
Link all’articolo
“Mara, finalmente “la più gettonata”…
29 novembre 2021
Mara, Susanna ed io – Desio, 28 novembre 2021 –
(clicca per ingrandire)
2006, io e Susanna con Gianni e Mara
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.