Io, mia moglie, il Capodanno a Venezia e lo shopping…

Io, mia moglie, il Capodanno a Venezia e lo shopping…

2 gennaio 2014

IO, MIA MOGLIE, IL CAPODANNO A VENEZIA E LO SHOPPING…

 

Primi “veleni” dal 2014…

Sono tornato pochi minuti fa da una breve vacanza a Venezia, con festeggiamento del Capodanno in laguna, cenone in motonave e spettacolo pirotecnico “gustato” dalla laguna stessa…

Tutto molto bello, anche il relais scelto come base per i nostri pernottamenti, rinnovato da pochi mesi ed arredato con molto buon gusto (“Do ciacole in relais”, a Mira, ad una ventina di minuti da Venezia)…

Tutto bello ma, come spesso accade, il “veleno” è nella coda…
un veleno che si scrive con 6 lettere (moglie) o, per essere più precisi, con 7 lettere (Susanna)….

Susanna compie gli anni il 1 gennaio, ed è una collocazione già di per sé infelice… vicina al Natale, in contemporanea con il Capodanno, cioè ben inserita in un periodo contrassegnato istituzionalmente da infinite spese…

Il 30 arriviamo a Venezia, ci si ferma vicino a Mira per mangiare un boccone, e l’unico posto auto libero è di fronte ad una vetrina di un negozio d’abbigliamento… posizione da “codice rosso” in periodo di regali… fortunatamente a quell’ora è chiuso…

Che carino quel maglioncino, potresti regalarmelo per il mio compleanno...

L’occhiovetrina_Venezia va immediatamente a posizionarsi sul cartellino del prezzo, poche decine di euro, l’espressione del viso immediatamente e pericolosamente fa un timido e rassegnato cenno di assenso…

La sera del 30 cena a Mirano, ottimo ristorante, ed anche lì (ma lo fanno apposta?), parcheggio di fronte ad un elegante negozio di calzature.
Che belli quegli stivali” con l’aggiunta della frase più pericolosa “sono di quelli che si usano adesso…

Non c’è nemmeno il cartellino del prezzo, ma l’espressione del viso è stavolta di assoluto sollievo: il negozio è chiuso…

La vacanza scivola via tranquilla il 31 e l’1…
una “puntatina” a Jesolo ci convince a tornare lì oggi, dopo il check out, per la mostra “Corpi umani reali”…

mi illudo che le vetrine siano ormai state cancellate dagli eventi successivi, dalla frenesia legata all’arrivo del nuovo anno…
errore!

lasciamo il relais, sto già pensando di impostare il TomTom per Jesolo, quando la voce di Susanna mi trafigge con una frase più insidiosa di una punizione dal limite di Pirlo… “prima passiamo da Mirano, vero? Vorrei rivedere quegli stivali…” …

Il suo microchip dello shopping ha già cancellato il maglioncino da poche decine di euro, ed ha già puntato la sua attenzione su articoli tradizionalmente ben più costosi…

Il resto è ormai da copione: stivali alti o stivali bassi? Neri o marroni? Ma quali “usano” ora??

tutti, ovviamente… ed in un nanosecondo ci sono già due sacche alla cassa contenenti stivali alti neri e stivali bassi marroni…

Sono rassegnato, lei forse si intenerisce incrociando il mio sguardo, ed in un attimo di compassione proferisce la seconda insidiosissima frase, che si rivelerà più “maledCasaBesana_susyshoppingetta” dell’omonima imprendibile dell’ex milanista: “Perché non prendi qualcosa per te?”…

sto per rispondere che no, non mi serve nulla ma lei, prima ancora che io abbia mosso le labbra, sbuffa: ”Non riesco mai a regalarti nulla, vorrà dire che prenderò anche la borsa nera…

Non riesco più a reagire, mi dirigo come un pugile suonato verso la cassa, dove già campeggia, con piena soddisfazione della cassiera, il terzo pacco con la “mia borsa”…

Quello che non riesco a capire è perché sia i regali fatti a lei che quello fatto a me debbano essere unicamente articoli femminili e, soprattutto, perché debbano essere pagati con un’unica carta di credito… la mia…

La cassiera ci saluta con un largo sorriso (sui denti comparivano i loghi di Visa, Mastercard, American Express) e mentre usciamo dal negozio, lei con i suoi stivali ed io con la “mia borsa”, veniamo raggiunti dalla musica proveniente da un bar vicino…

non ci giurerei, ma mi sembrava proprio Charles Aznavour…
“Com’è triste Venezia, soltanto un giorno dopo…”.

 Sipario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.