Sara De Scalzi, MVP

Sara De Scalzi, MVP

 

31 dicembre 2013

E’ impressionante la sua capacità di “entrare con discrezione” nelle partite.
Fa “bottino” senza forzare nulla, si prende i “suoi tiri”…
Una caratteristica peculiare degli MVP… infatti…

 

Link all’articolo

(Beppe D’Amico, per “Il Secolo XIX”)
Basket, parla la fuoriclasse della NBAZena
DE SCALZI: «IL 2014 PER VINCERE, RIDERE E SDRAMMATIZZARE»
«Abbiamo talento, non temiamo nessuno»

NELLA NBA americana si direbbe che lei è una Mvp: Sara De Scalzi. Non solo perché in A2 con la Virtus Spezia per due anni fu tra le migliori, ma soprattutto perché l’anno scorso, al primo anno di NbaZena, fu la prima della classe come topscorer.
Mica male per chi, con una carriera invidiabile alle spalle, dopo Lavagna e Spezia, è approdata alla corte del presidente Carlo Besana.
E forse proprio la serenità dell’ambiente genovese è alla base dell’alto rendimento di questa guardia fuoriclasse dai capelli biondi e dallo sguardo furbo, brava non solo tecnicamente, ma anche a livello di grinta e mentalità, tanto da meritarsi l’Oscar della Fip Ligure.
E di certo il recente infortunio muscolare, che l’ha tenuta fuori rosa per più di un mese, non l’ha demoralizzata, anzi.

Il polpaccio, appunto: a che punto siamo?
«Il Dottor Vassallo mi ha tranquillizzata. Certo, la cicatrice muscolare mi da ancora un po’ fastidio e mi penalizza ancora, ma da qui all’undici gennaio contro il Biassono al PalaDonBosco c’è ancora tempo per mettere tanta benzina nel motore e riprendermi al meglio».

Un proposito per il 2014?
«Beh, che sia un anno vincente per la mia squadra, ovvio, scaramanzia permettendo».

Anche nel privato?
«Della mia vita privata mi piace parlare poco, del resto sono nata a Chiavari, vivo a Recco, sono una ligure doc, simpatica e aperta, ma quanto basta».

Sul suo profilo Facebook c’è scritta una frase del compositore Chopin: “Chi non sa ridere non è una persona seria“. Traduzione?
«Ridere, saper sdrammatizzare, due doti per affrontare al meglio la maturità sportiva e personale».

Uomo della vita?
«Un compagno, una storia seria, esiste, di più non dico». Diciamo però che si tratta di un membro dello staff organizzativo societario…»

E le altre sue passioni?
«Come ovvio, adoro il basket, ma mi piace leggere, sentire musica, Ligabue in particolare, la montagna e fare sport alternativi come lo sci. E come ovvio, adoro gli animali, e come potrebbe essere diversamente avendo come sponsor l’Almo Nature?».

De Scalzi possiede un cane che si chiama, guarda caso, Kobe, ovviamente come Kobe Sean Bryant, penta campione Nba con ia maglia dei Los Angeles Lakers.
E con quest’assist torniamo al basket giocato.

Contro Torino, vittoriosa in casa vostra prima delle feste, la conferma di un campionato difficile?
«Direi di si, a dimostrazione che il nostro girone, quello di Conference Nord Ovest, non ha squadre “cuscinetto” e ogni team può metterti il bastone tra le ruote. Soprattutto se si tratta, come nel caso del Torino, di una squadra di vertice come noi. Bisogna stare sempre attente, mai sottovalutare l’avversario, mai darlo per sconfitto, mai credere di avere il match in tasca, ma lottare sempre sino alla fine».

Quali sono i pregi e difetti dell’Almo Nature?
«Oh, mamma mia, bella domanda… Certo, rispetto all’anno scorso siamo ancora più forti, siamo cresciute, e inoltre la dirigenza ha fatto una campagna acquisti eccezionale imbottendo la squadra di talenti. D’altra parte, anche le altre squadre si sono rinforzate, ma direi che il nostro plus rimane inalterato: classe e talento inseriti in una intelaiatura dove l’agonismo, il carattere, la grinta e la voglia di non mollare mai non mancano. Forse il difetto che abbiamo è che contro i team forti come noi non sappiamo chiudere al tempo giusto il match, e l’ultima gara persa in casa prima delle feste contro il Piramis ne è una dimostrazione. Ma su questo stiamo lavorando con coach Giovanni Pansolin, anche rivedendo dopo gli allenamenti le immagini della gara».

Poule promozione in tasca: e ora?
«E ora chissà. Finita la regular season, in poule promozione molte squadre, che vengono da altri gironi, saranno delle incognite da scoprire. Ma di certo io e k mie compagne rispettiamo tutti ma non temiamo nessuno, come è nel nostro dna». 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.