Io, mia moglie, e la cucina

Io, mia moglie, e la cucina

23 agosto 2014

IO, MIA MOGLIE E LA CUCINA

 

Non so se è così anche per gli altri mariti o se questa è una mia, tragica “esclusiva”.

Quando io e Susanna siamo a cena a casa di amici e viene portato in tavola un piatto particolarmente invitante, scatta subito in lei una app, che penso si chiami “app&tito”, quello che notoriamente viene mangiando, a casa degli altri…

Susanna inizia a tempestare l’occasionale cuoca con domande sempre più affondate nei dettagli su ingredienti,

tempi di cottura, temperatura del forno, marca dei fiammiferi usati per accenderlo… insomma, tutti i particolari utili, almeno così sembra, a replicare, a casa, e solo per me, quelle meraviglie da palato…

Lo stesso capita quando ceniamo al ristorante, con il malcapitato cameriere di turno costretto a seviziare lo chef per soddisfare la curiosità di Susanna… a volte ho l’impressione che quella inspiegabile voce che trovo spesso sulle ricevute dei ristoranti (10% RDM) non sia altro che la tassa per la Rottura Di Maroni (non Roberto, anche se un po’ di somiglianza c’è…) causata al personale.

Beh, direte voi, una fortuna avere accanto una moglie che si prodighi per una continua e crescente variazione del menu casalingo… una specie di “Cotto e Mangiato!” live…

Invece no, e non riesco proprio a spiegarmelo…

a casa c’è sempre la solita minestra…CasaBesana_solitaminestra

no, non è un modo di dire, è proprio sempre la solita minestra, quelle già preparate con la scritta “made in China” in rilievo su piselli e carote, fredda d’estate (“ah, proprio l’ideale quando fa caldo”, commenta sempre lei, con toni da “che fortunato che sei!!!”, quando ci si mette a tavola d’estate; oppure “ah, nelle serate d’inverno non c’è niente di meglio!”, sempre con gli stessi toni, accompagnati, per fare atmosfera, da una felpa con cappuccio ad interno peloso e pashmina al collo, nonostante in casa si schiatti dal caldo…).

Ecco, ieri, ad esempio, a pranzo pomodori e mozzarella, oggi una piadina farcita di spinaci…

non propriamente due piatti da coefficienti di difficoltà tipo il triploavvitamentocarpiatorovesciato di Tania Cagnotto….

E la domanda sorge spontanea: vuoi vedere che tutta quella curiosità culinaria è destinata a cucinare per qualcun altro???
Vuoi vedere che mi trovo al centro, sempre live, di “Cotto e mangiato!”… da altri???”….

Dubbio amletico, con una sola certezza (e non è per tornare sui soliti argomenti…): il target di Susanna, più che da MasterChef, è da MasterCard….

Sipario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.