Io, mia moglie, e… il grande dilemma…

Io, mia moglie, e… il grande dilemma…

15 giugno 2016

IO, MIA MOGLIE E… IL GRANDE DILEMMA…

ovvero: sempre meglio stare zitti…

I fatti.

13 giugno 2016, per gli appassionati di sport è una serata lunga, ricca di appuntamenti imperdibili.

CasaBesana_dilemmaAlle 20.45 c’è gara 6 dei playoff di finale di basket, Milano è sul 3-2, vincendo con Reggio Emilia si aggiudicherebbe (purtroppo  …) lo scudetto…
Alle 21 c’è l’esordio ai campionati europei della nazionale di calcio contro il Belgio, squadra tra le favorite…
Alle 3 c’è la diretta di Golden State-Cleveland, gara 5 di playoff di finale NBA. Golden State è sul 3-1, se vince è campione NBA per il secondo anno consecutivo.

Fortunatamente anche mia moglie Susanna è appassionata di basket, ed anche lei vorrebbe seguire oltre al basket anche Italia-Belgio…

Sfruttando al meglio le registrazioni in contemporanea di MySky, e con la leggera (ma preziosissima) differenza di orario tra i due eventi, riusciamo a seguirli entrambi, e riusciamo incredibilmente a cogliere in diretta entrambi i gol degli azzurri…

Terminati i due incontri (il basket in leggera differita) e con un po’ di delusione per la sconfitta di Reggio Emilia (gara 7, spareggio secco, sarebbe stata, dopo 48 ore, un altro appuntamento imperdibile), resta da prendere una decisione:

(1) sono le 00.45, restiamo svegli e ci guardiamo la diretta (dalle 3 alle 5.30 circa) della partita NBA?
(2) Puntiamo la sveglia e cerchiamo di dormire un paio d’ore?
(3) Andiamo a dormire e ci guardiamo la partita (registrata) la mattina successiva, evitando di accendere telefonini e pc per poterla gustare come fosse in diretta????

Non riusciamo a deciderci, Susanna propone di andare a letto e decidere con calma….

Ovviamente, tutti i “preparativi femminili” per coricarsi si prendono un altro quarto d’ora abbondante…
a dire il vero il sonno mi è un po’ passato…
ed anche Susanna, manco m’avesse letto nel pensiero, butta lì “m’è passato il sonno…”.

Incautamente (facile a dirsi col senno di poi…) lo interpreto come un “invito subliminale ma non troppo”…

Ci penso (si fa per dire…) qualche secondo, e, mettendomi rapidamente ed orgogliosamente i panni del ‪#‎maritochehacapitoenonsitiraindietro mi espongo con un filo di virile orgoglio
Nell’attesa della partita… un po’ di sesso… così, per occupare il tempo…

E lei, in un battibaleno
Belin, mancano solo cinque minuti alla partita???”…

Triste (virtuale, ma sempre triste…) sottofondo musicale…

ps: vabbé… Golden State ha perso, si va a gara 6… non abbiamo perso molto… parlo della partita neh… 

Sipario.

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *