Io, mia moglie, e… i regali di Natale

Io, mia moglie, e… i regali di Natale

19 novembre 2014

IO, MIA MOGLIE E… I REGALI DI NATALE

 

Natale si sta avvicinando, a grandi falcate, e si avvicina uno degli snodi più inquietanti della vita di ogni marito: cosa regalare alla propria moglie?

Nel mio caso un dilemma almeno doppio, e non esagero … mia moglie Susanna infatti è nata il 1 gennaio, ed il “regalo di Natale” deve coprire almeno una settimana, non solo un giorno…

Anni fa, quando mia moglie era già nel pieno possesso dei miei conti correnti bancari, con possibilità quindi di “vedere” tutti i movimenti, preso da un nobile scrupolo decisi di andare a scegliere il regalo all’ultimo momento, il giorno 24, così perlomeno avrebbe ricevuto il regalo senza conoscerne, per qualche giorno, il costo reale.

Mi recai in una nota gioielleria di Sestri, e puntai dritto su un orologio di pregio.
Il negoziante mi consigliò un Baume&Mercier, da scegliere tra i modelli dell’ultima collezione.

Mi trovai nell’imbarazzo più totale, quale scegliere? il modello tempestato di Swarovski? Quello con il braccialetto che da solo vale un tesoro? Quello di ultima generazione tecnologica? (ma i minuti non durano, da sempre, 60 secondi ???).

Concordai con il negoziante, impietosito dalle mie “preziose” indecisioni, una strategia elementare: non avrebbe incassato il mio assegno, non avrebbe compilato il certificato di garanzia, e mia moglie avrebbe avuto l’opportunità di poter eventualmente scegliere, tra i tanti, un altro modello, a lei più gradito.
Mi sembrò un’ottima soluzione.

Nascondere il pacchetto per poche ore non fu impresa difficile, e la mattina del 25 feci trovare a Susanna il regalo provvisorio.

Lo aprì con finta lentezza, si vedeva lontano un miglio che fremeva dalla voglia di aprire quel pacchettino che, era evidente, non poteva contenere un “banale” maglione o “unpaiodistivalimeglioquellialtioquellibassivabbèprendiamolituttiedue” per i quali peraltro si era già organizzata da sé (l’amministratore del nostro condominio nell’ultima riunione ha fatto deliberare la realizzazione di uno spazio parcheggio per i tir di Zalando, Groupon, Bonprix e similari che di frequente assediano il nostro civico…).CasaBesana_fumetto-natale5

Bene, scartato il pacchetto, letto con attenzione il logo del negozio stampato a piene lettere sulla confezione, preso con studiata lentezza l’orologio tra le mani, lasciando pendere sui due lati il cinturino, e canalizzata la sua attenzione sul quadrante, iniziò a squittire in un modo che i doppiatori di Cip & Ciop della Walt Disney morirebbero d’invidia …

Ma sei matto??!!?? Ma è un regalo trooooppppoo importante per me! Come faccio a portare un orologio così??? Sono abituata con gli Swatch da pochi euro, chissà quanto ti è costato!!! Mi imbarazza una cosa così importante al polso…

Ero quasi commosso, mi feci forza per toglierla da quell’evidente imbarazzo, e pronunciai la frase che mai nessun marito, in queste situazioni, dovrebbe pronunciare: Non preoccuparti, sono d’accordo con il negoziante, se vuoi puoi cambiarlo con un altro modello che ti faccia sentire più a tuo agio….

Nemmeno il tempo di finire la frase ed in un nanosecondo lo squittio si trasformò in un bacio da record, da lasciare senza fiato, accompagnato da un’espressione che epidermicamente avvertii quasi inquietante… una percezione che trovò la sua definitiva conferma qualche giorno più tardi…CasaBesana_fumetto-natale6

Passate le due festività, infatti, si recò immediatamente alla gioielleria di Sestri, alcuni passanti la notarono mentre aiutava la commessa ad alzare la serranda, per non perdere nemmeno un secondo (d’altro canto, con un orologio a tecnologia avanzata non avrebbe potuto perdere, per definizione, nemmeno un millesimo di secondo…).

Fece piazzare sul bancone l’intera preziosa collezione natalizia della Baume & Mercier, si tolse dall’imbarazzo (???), scelse accuratamente un altro modello, e fece strappare l’assegno che avevo firmato sostituendolo con un pagamento con la mia carta di credito… ben 250 euro in più rispetto al modello che avevo scelto io….

Non tornai più in quel negozio, ho spesso pensato alle compassionevoli risate con le quali, ancora oggi, ne sono certo, il negoziante accompagnerà il racconto di questo aneddoto ai suoi amici…

Per quel che mi riguarda, quando si avvicina il Natale (ed il compleanno di Susanna) immancabilmente ripenso a “quel” Natale, e mi immalinconisco, vengo progressivamente colto da una spirale di tristezza che arriva a sfiorare la profonda depressione…

mi hanno detto che ci sono forme di “auto-aiuto per mariti affetti dalla sindrome della moglie spendacciona”, un po’ come per gli alcolisti anonimi…

cercherò su Groupon….

Sipario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.