Alla scoperta della “Visco”

Alla scoperta della “Visco”

 

13 novembre 2014

Alessandra Visconti è una delle “new entry” della nostra squadra. E’ stata uno dei “colpi di mercato” per poter affrontare al meglio la nostra seconda avventura consecutiva in Serie A2, e le sue prestazioni stanno avvalorando la nostra scelta. Prima del campionato è stata protagonista ai Mondiali di 3vs3 in Brasile, dai quali è tornata con la medaglia di bronzo. Daniele Tagliabue l’ha intervistata per il primo numero di Basket Magazine, con tanto di pagina doppia…

 

Link all’articolo

(Daniele Tagliabue, per “Basket Magazine”)
ALESSANDRA VISCONTI, E’ A(L)…MORE CON GENOVA

Spontanea, vivace, mai banale e a tratti vulcanica. In due parole Alessandra Visconti.
E’ lei la protagonista in questo primo numero di Basket Magazine. 

Protagonista con l’Almore Genova, dove sta mettendo insieme numeri notevoli in questo inizio di campionato, Visconti è reduce anche dal bronzo ottenuto ai mondiali Universitari 3×3.

Nata a Torino, ha praticamente girato tutta Italia nella sua carriera: Geas, Schio, Vicenza, Cavezzo, Lucca, Marghera, Bologna, Umbertide e Cagliari.
L’abbiamo raggiunta per approfondire con lei diverse tematiche.

A livello personale, cosa ti aspetti da questa stagione? Dove credi possa arrivare questa squadra?
Spero di riconfermare l’annata dello scorso anno a Selargius,dare continuità al mio gioco partita dopo partita e diventare un punto di riferimento per il mio coach e per le mie compagne. Questa squadra può arrivare molto lontano! Abbiamo dimostrato di poter uscire da situazioni davvero complicate, come ad esempio i dieci giorni dell’alluvione a Genova, dove non siamo praticamente riuscite ad allenarci e nonostante tutto abbiamo vinto!

Parlando invece di te, a che età ha iniziato a giocare a basket?
I miei genitori giocavano entrambi, si sono conosciuti in palestra e a mia mamma, quando son nata, si son rotte le acque in un palazzetto! Posso veramente dire di essere nata con la palla a spicchi in mano!

Una partita da ricordare e una da dimenticare?
Da ricordare la finale 3/4 posto contro la Cina al 3vs3, un’emozione indescrivibile valsa appunto il Bronzo. Da dimenticare la finale promozione gara 2 quando ero a Lucca, contro Cavezzo: avevamo vinto gara 1 in trasferta, ci bastava vincere in casa per salire in Al, invece andammo a gara 3 e perdemmo..

Giocatrice e giocatore preferiti?
Giocatrice Penny Taylor. Ho avuto la fortuna di giocare con lei a Schio e, oltre ad essere un talento cristallino, è una persona stupenda. Nel maschile…mio fratello! Non in quanto tale, ma perché gli ho visto fare dei movimenti che non credo di aver mai visto compiere ad un ragazzino coetaneo.”

Fuori dal campo, come trascorri il tempo libero? Hai qualche passione particolare?
Ho finito i 5 anni di psicologia a Marzo, ora sto facendo il tirocinio post laurea per l’esame di stato studiando come una dannata. Per svagarmi (a parte al Ganas) mi piace leggere romanzi e fare dolci per le mie coinquiline, la cheesecake è il mio cavallo di battaglia!

Sei reduce da una bella esperienza ai Mondiali 3×3, terminata col bronzo. Quali emozioni ti porterai dietro?
E’ stata un’esperienza unica, cominciata come un sogno, diventata poi una splendida realtà. Arrivate a Salvador abbiamo sbattuto la faccia sul livello fisico, atletico, mentale del 3×3, assai differente dal 5vs5. Abbiamo lottato, raggiungendo l’insperata medaglia di bronzo. Il 3×3, come ho detto, è uno sport a parte rispetto alla pallacanestro, che in Italia si pratica ancora troppo poco!!! Posso assicurare che l’emozione di indossare la maglia con scritto ITALIA è esattamente la stessa, e invito tutte le mie colleghe cestiste a fare i tornei estivi!!! Abbiamo la possibilità di giocarci le olimpiadi!!!! Cosa posso dire di più per convincervi????

In questi giorni è nata la guerra CestistePallavoliste, innescata dalla tua collega Gottardi. Cosa ne pensi?
Ho seguito il tutto da vicino, mai avrei immaginato che le pallavoliste si rivoltassero in questo modo! Il solo errore di Silvia è stato quello di scrivere che ha gioito per la sconfitta della pallavolo. Estrapolata dal contesto e non conoscendo il tipo di persona, è facilmente fraintendibile. A livello di motivazioni, concordo pienamente. Sul fronte mediatico, c’è una differenza troppo vasta. A parti invertite, con un loro attacco verso di noi, neanche si sarebbe diffusa la notizia. Ognuno tira l’acqua al proprio mulino: loro non capiranno mai cosa voglia dire vincere di uno con una tripla allo scadere. Per loro ogni punto vale uno. Così come io non capirò mai le loro rotazioni. Alla fine, però, chi vince deve esser sempre lo sport. Ho seguito la nazionale di pallavolo in tv, tifando per loro! Nessuno vuole infangarle, semplicemente ci piacerebbe avere la stessa visibilità.

LA SCHEDA
Nome e Cognome Alessandra Visconti
Soprannome Visco
Luogo e data ai Nascita: Torino 21.01.1987
Altezza: 187
Squadra Almore Genova
Ruolo: Ala
Sito preferito. Facebook
Canzone preferita. “Mezzogiorno” di Jovanotti
Piatto preferito: Fonduta della mamma
Film preferito “Orgoglio e pregiudizio” di Joe Wright e “Il favoloso mondo di Amelie”
LA CURIOSITA’
Nelle ultime 13 partite giocate è andata in doppia cifra ben 12 volte, raggiungendo per sei volte almeno 20 punti.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.