Io, Ferruccio Sansa e…l’incubo del tifoso…

Io, Ferruccio Sansa e…l’incubo del tifoso…

 

“Magari moriremo la notte prima che la nostra squadra scenda in campo a Wembley, o il giorno dopo una partita di andata in Coppa dei Campioni, o nel bel mezzo di una lotta per la promozione o di una battaglia per evitare la retrocessione, ed è assai probabile, secondo tante teorie sulla vita nell’aldilà, che non riusciremo neppure a conoscerne l’esito.” 
(Nick Hornby)

…ho 66 anni…
in caso di malaugurato contagio, mi troverei nella cosiddetta “fascia a rischio” …


spero di vivere sufficientemente a lungo da riuscire a conoscere, almeno in extremis, il nome del candidato prescelto…

anche perché non vorrei vivere da protagonista l’incubo del tifoso, così ben descritto da Nick Hornby…



basket, calcio, volley, pallanuoto…

fare il tifo per “la propria squadra” è una delle esperienze alle quali, fatte salve rare eccezioni, non sfugge nessuno…

talmente universale ed esclusiva nello stesso tempo da far dire a Pasolini, “Il tifo è una malattia giovanile che dura tutta la vita”…

non so se vi è mai capitato, ma il top è quando nella vostra squadra del cuore gioca un vostro amico…

credetemi, è l’apoteosi…

a me è capitato con la Pallacanestro Cantù, la prima squadra che ho visto “dal vivo”, quasi cinquant’anni fa e che mi ha trasmesso la meravigliosa passione per il basket…

nel 1986 ho conosciuto Pier Luigi Marzorati, lo storico capitano canturino, diventato non solo un caro amico ma pure mio testimone di nozze…

il “tifo” dagli spalti di Cantù ha avuto, da quel momento, per gli ultimi suoi cinque campionati, un valore doppio…

la mia squadra del cuore ed un caro amico… 
uno dei campioni dello sport che ha saputo meglio coniugare professione sportiva ed impegno sociale, e per questo stimato da tutti, anche dai tifosi avversari…

qualcuno si chiederà: ”Che c’entra questo con la foto di Ferruccio Sansa?”

beh, conosco Ferruccio da diversi lustri e nel tempo, accanto al rapporto di amicizia, è cresciuta anche la mia stima nei suoi confronti, per il taglio ben preciso dato alla sua professione, sempre orientata, senza se e senza ma, al sostegno dei valori ideali in cui mi riconosco.

In questi mesi sono state formulate diverse ipotesi di una candidatura alle prossime Elezioni Regionali in Liguria che potesse rappresentare in modo efficace la coalizione di centrosinistra, in particolare sull’asse PD-M5S.

Molti “nomi” sono entrati ed usciti con la stessa rapidità…

il suo nome invece è ancora lì, come opzione principale formulata dal M5S, sulla quale il PD è chiamato ad esprimersi con il coinvolgimento dei vertici nazionali…

a mio modesto avviso Ferruccio può rappresentare la migliore soluzione sia in termini del nuovo indirizzo che potrebbe essere determinato dalla sua guida alla Regione Liguria, che in termini di efficacia di una candidatura che ha necessità, per provare ad essere vincente, anche di una “visibilità” che, a differenza di altri, Ferruccio può garantire.

E per “visibilità” intendo non solo “notorietà” ma anche, e soprattutto, l’essere “nota espressione” di determinati valori, comuni a tutto il variegato mondo dell’elettorato di centrosinistra.

Senza nulla togliere ad altre candidature, credo che Ferruccio, proprio per tutto questo possa rappresentare l’unica possibile sintesi tra le diverse anime del centrosinistra.

Con il valore aggiunto, per me, di poter “fare il tifo”, come a quei tempi con Cantù, per “la squadra del cuore” e, contemporaneamente, per un caro amico che gode della mia incondizionata stima…

e scusate se è poco…

 

(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.