Io, e… non ci sono più gli uomini di una volta…

Io, e… non ci sono più gli uomini di una volta…

30 agosto 2014

IO, E…. NON CI SONO PIU’ GLI UOMINI DI UNA VOLTA…

 

spiaggia di Bergeggi, ore 17 circa.

Due uomini (età apparente 40 anni circa) si staccano dai loro ombrelloni (e dalle rispettive mogli), si portano a pochi metri dalla mia sdraio, ed iniziano a conversare in modo molto appassionato.

Il mio pensiero va subito ai classici discorsi maschili da spiaggia: il calcio (oggi inizia il campionato) e, soprattutto, le avventure amorose extraconiugali, da raccontare lontani dalle mogli, e che sulla spiaggia diventano inevitabilmente dei romanzi d’avventura degni di un fotoromanzo a tinte forti… CasaBesana_tre-cuochi

Incuriosito, cerco di captare i loro discorsi, e l’orrore prende il sopravvento: stanno illustrando, ognuno con particolari degni di un ingegnere della Nasa durante l’illustrazione dello Shuttle, le tecniche personali utilizzate per scongelare i surgelati (ogni alimento una tecnica appropriata, particolarmente delicato lo scongelamento dei piselli… e qui il pensiero va immediatamente allo stesso termine, usato però per indicare una parte anatomica maschile ben precisa, probabilmente nel loro caso nella stessa, identica situazione dell’alimento congelato…).

Un attimo dopo il loro discorso si sposta sulla preparazione dei ravioli, le tecniche per preparare il ripieno, la strategia per il loro immediato congelamento (in sacchetti da non più di 400 grammi) e lo scongelamento ad hoc che consente di ritrovarteli lì, come fatti un attimo prima …

Mi assale lo sgomento, non vorrei che Susanna si intromettesse nell’animato simposio chiedendo inutilmente la ricetta per i ravioli (ieri sera cena a base di minestrone e ricotta…) quando i due si spostano, verso il bagnasciuga, per continuare il loro titanico confronto.

Sono lontani, non posso più captare nulla, ma le loro espressioni angosciate mi convincono: stanno mettendo a confronti i disagi che entrambi affrontano durante il loro ciclo mestruale, meglio il Buscopan o l’Oki, no l’Aulin a stomaco pieno, si però la nausea, non parlarmi del cambio d’umore…).

L’angoscia e lo sgomento lasciano spazio ad una profonda amarezza: non ci sono più gli uomini di una volta…

la prossima generazione (quella dei Masterchef dipendenti) conoscerà grandi crisi d’identità…

uomini con il grembiule che cucinano manicaretti per donne fisicate e stratatuate… CasaBesana_sesso-forte

gli uomini, di fronte alla “loro” tavola imbandita, si metteranno a squittire, corroborati dai commenti a rutto libero delle loro commensali, che si sfideranno a braccio di ferro, a chi fa pipì più lontano, tra una grappa slovena ed una sambuca con il ghiaccio, prima di andarsene con le loro amiche al pub, lasciando loro, i Mastercheffi, alle prese con il lavello, Mastro Lindo, le pentole, la paglietta saponata, il mocio Vileda ed il piano stiratura pieghevole di Foppa Pedretti…

già pronto, davanti al televisore che terrà loro compagnia nella solitudine, scandita dal soffio del ferro a vapore durante la stiratura delle camicie, con la stucchevole romantica telenovela vintage….

quella ambientata nei tempi in cui non si osava nemmeno pensare una frase tipo “quella donna ha le palle” perché si era certi che quella era una prerogativa dell’altro sesso, non a caso, a quei tempi, definito “forte”…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.