Io e mia moglie, amorevole (e perfida) infermiera….

Io e mia moglie, amorevole (e perfida) infermiera….

2 febbraio 2015

IO E MIA MOGLIE, AMOREVOLE (E PERFIDA) INFERMIERA…

 

Parlo di me.
Età 61 anni, vita molto sedentaria, sovrappeso che va a colpire prevalentemente la zona della “cintura” con ripercussioni più marcate a livello lombare e lombosacrale…

Risultato: schiena sempre più dolente con contratture diffuse e molto durature…

In attesa della visita (con trattamento annesso) dall’osteopata mi rifugio nei rimedi della medicina, consapevole che l’efficacia si manifesterà più sui sintomi che non sulle cause, ma già soffrire un po’ meno è buona cosa…

Opto per un collaudato cocktail, Voltaren+Muscoril, molto efficace per via intramuscolare e quindi devo necessariamente dipendere da mia moglie Susanna, molto abile quando si tratta di fare iniezioni e soprattutto felice quando può esprimere la sua propensione alle “amorevoli cure infermieristiche”…

Ora, è noto che per rendere indolore un’iniezione intramuscolare è fondamentale lasciare il più rilassato possibile il gluteo CasaBesana_infermieracui sarà destinato l’ago; negli anni ho affinato una mia tecnica: sto in piedi, appoggiato su un piede (così tutta la tensione va su quella gamba) con l’altro piede leggermente sollevato e corrispondente gluteo ben rilassato.

E così ho fatto anche l’altro giorno, con Susanna impegnata dapprima a predisporre ago-siringa-fiala-fiala e poi a frizionare energicamente la zona interessata, sia con finalità di disinfezione che di stimolo della circolazione (che fa assorbire più rapidamente il farmaco).

Proprio un attimo prima che terminasse il suo massaggio, impercettibilmente perdo un pizzico di equilibrio e vado a contrarre, per inevitabile, spontanea reazione, il gluteo che lei stava frizionando.

Come la più terribile delle infermiere tedesche (quelle da filmetto anni ’70), sale immediatamente il suo urlo:Sei troppo rigido!!! immediatamente seguito, con volume un po’ più basso, come se parlasse tra sé e sé, ma non troppo, e proprio per questo ancor più subdolamente perfido, da un commento apparentemente scherzoso:
Troooppo rigido… sempre dalla parte sbagliata e nel momento sbagliato…”.

Sul momento, colta unicamente la possibile vena ironica, sono scoppiato a ridere e questo ha fatto rilassare il gluteo, immediatamente e dolcemente perforato dall’ago della siringa (mano leggerissima…) con il conseguente prezioso rilascio del farmaco, che ha potuto così diffondersi nei tessuti andando a svolgere il suo preziosissimo compito…

Passati i primi attimi, però, la “vena ironica” che avevo allegramente colto ha lasciato il posto a dubbi amletici, tutti portatori di profonde inquietudini.…

Avrà fatto una battuta, senza un vero e proprio riferimento ad elementi di vita vissuta, e giusto per provocare, per far scatenare una risata liberatoria che mi facesse “sciogliere”???

E se invece fosse stata per lei l’occasione, colta con tempismo perfetto, per espormi un motivo di disagio???

Ah, saperlo… ma due ipotesi altrettanto inquietanti…

la prima ipotesi (“è una battuta…”) sarebbe la dimostrazione che l’allieva sta superando (se non già superato…) il suo maestro (il sottoscritto) nella piacevole “arte” delle battute fulminanti legate ai diversi significati che si possono dare alle parole… certo, ne potrei essere orgoglioso, ma in queste situazioni l’ego è sempre lì accanto, e fai fatica ad accettare il fatto che tu stia scivolando anche dal gradino più alto del podio del cazzeggio di famiglia…

la seconda ipotesi (“Non è una battuta”…), ahimè, andrebbe ad agire sull’orgoglio tipicamente maschile, quell’orgoglio che non conosce età, che dentro di te lo sai che gli anni passano e che la brillantezza non va verso i suoi momenti migliori, ma è una consapevolezza che tieni racchiusa nello scrigno delle cose che non si devono dire, perché vuoi vedere che non è proprio così, oppure è un po’ così ma se non lo dici non se ne accorge nessuno, neanche lei… ???…

In entrambi i casi, niente da stare allegri….

Ho già pronta una compressa di antidepressivo quando mi si illumina una terza via…

magari non ci sono in senso assoluto solo quelle due ipotesi, magari la verità va posta proprio nel mezzo….

ma stiamo parlando di due glutei, i miei…

e associare i termini “glutei”, i miei, a “posta nel mezzo”….

niente da fare… un goccio d’acqua, un Prozac e via….

 

Sipario.

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *