Insomma, sì…mi è piaciuto parecchio…

Insomma, sì…mi è piaciuto parecchio…

 

9 febbraio 2016 

 

Ieri ho visto “The Hateful Eight”, e mi è piaciuto parecchio.

Cast fantastico, immensamente brava Jennifer Jason Leigh, superlativo Samuel Jackson, fotografia impeccabile, regia di Tarantino (non serve aggiungere altro…).

Vista la “sintesi estrema” con la quale l’amico Enrico Testino aveva espresso la sua insoddisfazione, proverò ad essere meno “ermetico” nella descrizione della mia soddisfazione.

E’ un film quasi totalmente girato nello stesso interno (un rifugio immerso nella bufera di neve nel Wyoming), con una grande cura ai dettagli, sia nella fotografia, che nel dialogo tra gli otto protagonisti; un dialogo molto serrato, che fa emergere, nel corso del film, le diverse contraddizioni tra lealtà e tradimento, verità e falsità, in cui nessuno è chi dice di essere….

Una fotografia delle contraddizioni di un nuovo stato in cui l’unità, benché formalmente acquisita al termine della guerra civile, deve ancora fare i conti con la diffidenza (se non l’odio) del bianco verso il nero o verso il messicano e così via, ben rappresentate e distribuite tra i diversi protagonisti (sceriffo, boia, cowboy,cacciatori di taglie,generale in congedo ecc) .

Il protagonista principale è il “nero” (Samuel Jackson), un uomo che si è riscattato socialmente indossando “la divisa” sul campo di battaglia però, benché legittimato da una lettera di Lincoln, si ritrova, per sopravvivere, a dover uccidere ricercati per incassare le taglie….

Un mondo racchiuso in un rifugio che, con i suoi personaggi, è come l’America: uno spaccato di tutti i mali sociali (discriminazione razziale in primis ma anche violenza e “giustizia fai da te”) che ancora oggi caratterizzano quel “nuovo mondo”, come se l’America di oggi non fosse altro che il frutto, o l’eredità, delle illusioni progressiste di Lincoln.

Un mondo fatto di regolamenti di conti che cercano di darsi una dimensione “democratica” ma che esprimono un singolare concetto di giustizia, che fa leva su legittima difesa ed omicidi legali per giustificare qualunque tipo di violenza pura, anche un’impiccagione….

Non è forse un caso se all’inizio ed alla fine del film un primo piano sia riservato ad un crocefisso coperto di neve….

Non aggiungo altri particolari per non “spoilerare” troppo…

Mi limito a tre menzioni speciali, come singolari “attori non protagonisti”: la lettera di Lincoln (che diventa protagonista a più riprese, compreso il pre-finale), la caramella incastrata nel pavimento di legno, un’inquadratura, che sottolinea ulteriormente la cura del particolare, che troverà il suo significato (solo come “curiosità”) in uno dei flash back nel finale del film; la bufera, simbolo del pericolo incombente che c’è fuori e che non fa sconti a nessuno, ma anche quasi elemento con il quale evidenziare il confronto tra la furia devastante della natura e la furia umana che si scatena tra le (apparentemente) tranquillizzanti pareti di legno di un rifugio di montagna…

Insomma, sì, mi è piaciuto parecchio….

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.