poi, all’improvviso, arriva lei…l’ineffabile Susanna…

poi, all’improvviso, arriva lei…l’ineffabile Susanna…

 

 

pensi di aver finito il lungo, faticoso lavoro…poi, all’improvviso, arriva lei, l’ineffabile Susanna…

 

Siamo tornati dalla Sardegna 20 giorni fa (mamma mia, come vola il tempo…).

In questo periodo, togliendo tempo al poco tempo libero, ho provveduto a sistemare (visualizzare, archiviare per luoghi/date ecc) le oltre 2000 foto scattate nei 21 giorni di vacanza, cui si sono aggiunte le circa 300 scattate da Susanna con la sua fotocamera (la mia “vecchia” Canon 300).

Ieri, con un respiro di sollievo, mi son detto:
“Ok, lungo lavoro, ma ce l’ho fatta…ora posso ‘metter mano’ al diario di viaggio…”.

Poi, all’improvviso, a rovinare tutto arriva lei, l’ineffabile Susanna…

spaparanzata sul divano, proprio in contemporanea con il mio respiro di sollievo, con espressione candida, ecco la sua entrata a gamba tesa, che manco Karl Heinz Schnellinger, ai suoi tempi, si sarebbe sognato di fare…

“Ah, mi ero dimenticata…ci sono un po’ di foto che ho fatto con lo smartphone…dovresti scaricare ed archiviare pure quelle…”…

Il respiro di sollievo dapprima si trasforma in un’espressione pensierosa

“Avrà fatto apposta a ‘ricordarsene’ solo ora???…giusto per rovinarmi la soddisfazione???…”.

Poi, una volta avviato il download dal suo smartphone, l’espressione pensierosa si trasforma in una disperazione che manco l’urlo di Munch

altre 534 foto, oltre 3GB, aggiuntivi, di immagini…

la prossima volta niente vacanza lunga, al massimo un weekend…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.