2004, l’avanzata del porto…un ottimo “Testino d’annata”…

2004, l’avanzata del porto…un ottimo “Testino d’annata”…

 

una lucida analisi, scritta nel 2004, ancora molto attuale…

Il 2004 è stata un’ottima annata per molti vini.
I bianchi, soprattutto, ma anche per molti rossi-

E’ stata un’annata di ottima produzione anche per il pensiero di Enrico Testino, come si può evincere da questo post che fa riferimento, per l’appunto, ad un suo scritto, risalente al 2004, ed ancora di grande attualità…

(Enrico Testino, post Fb del 16 ottobre 2019)

Posto qui di seguito una cosa che avevo scritto nel 2004, su Voltri e la sua spiaggia, in una delle varie occasioni in cui alcune Istituzioni parlavano di estendere il Porto minacciando Voltri.
E in cui la gente si era movimentata per contrastare quell’idea.

Forse allora ero stato ottimista.
A rischio non era solo l’orizzonte (costruendo dighe e pezzi di Porti ipotetici) ma addirittura la spiaggia, ma non solo costruendoci, rovinando proprio l’essenza della spiaggia: la sabbia.
E, alleandosi con la Dea “Incuria” per raggiungere il risultato, di rovinarla, forse, per decenni o per sempre.

La spiaggia, a Voltri, non è solo divertimento estivo.
E’ una delle identità essenziali su cui si costruiscono le giornate, le aspirazioni, le vite.

Ecco quello che avevo scritto (e che, se non erro, apparì su una piccola rivista, “Il Voltrese”)

febbraio 2004:

Andare a fare “due passi in spiaggia” significa anche potere perdere lo sguardo (dietro il quale si poggiano e si affacciano i desideri, le sofferenze, i sentimenti della vita) sull’orizzonte del mare.
Orizzonte che non è solo una linea definita da due diversi tipi di azzurro, ma significa e materialmente simboleggia il cielo e il mare, il confine e l’infinito, lo stare e l’andare, e certifica di essere ancora in un mondo che ha ancora una parte di Mondo e non è solo costruzione dell’uomo.

L’orizzonte del mare può non essere solo una citazione poetica ma anche, ed oggi a Voltri lo è, il fondamento e l’oggetto di una battaglia di sopravvivenza.
A essere in gioco, tra la vita e la morte, non sono ovviamente le donne e gli uomini (persone) dell’estremo ponente, ma un loro modo di vivere il mondo e il quotidiano, di porsi verso la propria concreta storia personale.

E sono convinto che è soprattutto per questo che le persone muovono i corpi e le coscienze in questi giorni per opporsi all’avanzata di una vita alternativa scelta da nessuno, anzi peggio, da pochissimi.
Da pochissimi che stanno altrove.

A Sampierdarena, Cornigliano, Sestri, Multedo, Prà, Palmaro, e anche in parte Pegli quella battaglia l’hanno persa da tempo.
E, spesso, a essere stati persi non sono stati la salute (con la terribile eccezione di Cornigliano) ma una intera possibilità di continuare a vivere il proprio territorio.

Non è che, ad esempio a Sestri, mangino cibi più dannosi (oggi i mangimi sono gli stessi per tutti i posti), o patiscano l’aria forse più inquinata, o che abbiano meno possibilità di movimento.
Quello che a Sestri rende il luogo peggiore, inevitabilmente strappato alla sua storia e inequivocabilmente depresso, è la cancellazione dell’orizzonte del mare.

Sestri, Cornigliano, Prà sono condannate a un costante tentativo di recupero, ad un incessante e affannoso dimostrare di essere vivibili, a costo di confondere la vivibilità con la Fiumara, la possibilità di un costante ipershopping, la concessione di uno show di Panariello o il dono di una striscia d’acqua tra i container.

Invece a Voltri non si respira, ancora, l’atmosfera della scomparsa del passato, perché non si è ancora perso.
Al contrario si trova l’eterna energia e voglia di migliorare di godersi o costruire.
Voglie, queste, che sarebbero addirittura inutili se fosse tolto il mare e le potenzialità di cambiamento in cambio di un terminal container.

Come si potrebbe spiegare, a chi non l’ha mai vissuto, il brulicare estivo della gente sulle spiagge, vicine agli uffici, alla Circoscrizione, al centro del quartiere?
Il prestito dei libri sulla spiaggia o lo studio nelle finestre della biblioteca che dà sul mare?
Come si potrebbe permettere che i ragazzi studino per 5 anni in una scuola con il doposcuola in spiaggia, che si vedano la sera in bilico tra i motorini in strada e le onde sulla sabbia?
Come si potrebbe spiegare semplicemente la passeggiata con i figli e nipoti in sul litorale?

Non si potrebbe spiegare, si potrebbe solo dire che questo si è lasciato per un inspiegabile Sviluppo.

Uno sviluppo inaccettabile perché a Voltri non porta lavoro, non porta indotto, non porta gente, non porta bellezza, non porta soldi.
Anzi i soldi li porta, ma a pochissimi, che stanno sempre altrove, legati a nessun luogo.

Io che a Voltri non sono nato né cresciuto, ho solo lavorato (di un lavoro che fa amare il territorio e le persone come l’intervento sociale e culturale nei quartieri), ho solo potuto ammirare, dal lontano della mia storia, le mille storie e i milioni di momenti che legano i voltresi alle loro spiagge e ai loro orizzonti azzurri.

L’ho solo potuti ammirare, ovviamente senza comprenderli a fondo, ma solo il fatto di avere avuto il lusso di osservare una vita di una comunità al cospetto del mare mi ha personalmente arricchito e convinto a sposare questa battaglia per l’orizzonte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.