l’incorreggibile Arcadio, anche lassù…”Attenti compagni…sarà anche Dio ma sta ciurlando nel manico…!!!…”

l’incorreggibile Arcadio, anche lassù…”Attenti compagni…sarà anche Dio ma sta ciurlando nel manico…!!!…”

 

 

per farlo sentire a suo agio, lassù gli hanno trovato un megafono, con pile a durata eterna…

 

 

“Qui si ciurla nel manico!”

La figura di Arcadio Nacini, che è mancato, all’età di 77 anni, un paio di giorni fa, sarà per sempre associata a questa espressione curiosa, da lui sovente utilizzata…

ciurlare nel manico, come riporta anche la Treccani, vuol dire sottrarsi ad un impegno o a una promessa mediante rinvii, pretesti oppure indecisioni, in cui “ciurlare” farebbe riferimento al latino “circulare” (muoversi in giro, girare) ed il resto ad “arnesi con il manico non ben fisso”, che quindi non si possono ben adoperare.

Un’espressione che Nacini usò nei confronti dei big del Porto di Genova, per esprimere in modo efficace lo sconcerto per l’ennesima presa in giro, il tentativo di voler nuovamente barattare un ampliamento del porto con la promessa di posti di lavoro

una “strategia” già attuata in passato, con lo smacco di promesse poi ampiamente disattese…

Arcadio Nacini

Ex saldatore, sindacalista, Nacini nel ’68 riuscì a coinvolgere gli studenti di Medicina in un’importante vertenza sindacale, a tutela della salute dei lavoratori della Chicago Bridge.

Per molti anni è stato uno dei riferimenti per le lotte a salvaguardia del ponente cittadino, promotore e leader dei Comitati del Ponente, alla testa, con l’immancabile megafono, di battaglie per il recupero urbanistico di Pra’ e contro le sempre maggiori velleità espansionistiche del porto di Pra’ Voltri.

E come non ricordare la Fascia di rispetto, simbolo di una delle tante lotte ed oggi prezioso (ed unico) accesso al mare rimasto ai cittadini praesi…

 

 

proprio lì, “a casa sua”, sulla Fascia di Rispetto, gli amici gli hanno portato, stamane, l’ultimo saluto…

c’erano un centinaio di persone, molte meno non solo di quante sarebbe stato legittimo aspettarsi ma soprattutto di quante avrebbe meritato il suo impegno per la comunità…

lo ha sottolineato, con i toni passionali che sono la sua cifra caratteristica, Maria Rosa Morlè, consigliere municipale e compagna di tante battaglie condotte da Nacini…

occorrerà “fare memoria”, magari partendo dal dolce, commovente ricordo di Bruno Pastorino che, nel suo saluto all’amico Arcadio, ne ha evidenziato la capacità di essere leader senza sentirsi il depositario dell’unica verità, una modalità di “fare politica” della quale si sono perse le tracce…

Bruno Pastorino ricorda l’amico Arcadio Nacini
(clicca per ingrandire)

lui nel frattempo è già arrivato lassù…

e già me lo vedo…

il suo arrivo era stato segnalato già da alcune ore, ed il comitato di accoglienza, giusto per farlo sentire, da subito, a suo agio, ha dovuto recuperare in fretta un megafono, tutto per lui…

appena in tempo…
ne hanno trovato uno con pile a durata eterna, che con lui non si sa mai…

o meglio…si sa quando inizia ma poi si infervora, e farlo smettere è dura…

pare che abbia già radunato i compagni di mille battaglie, quelli che se ne sono andati prima di lui, e lì, al centro dell’aldilà, eccolo già pronto ad arringare tutti gli altri…

corre voce che il padrone di casa voglia concedere un pezzo di aldilà, la parte più a ponente del cielo, ad alcune anime privilegiate, a discapito delle altre, con la promessa di ricompensarle con migliaia di giorni di indulgenza…

e lui, appena arrivato, ha già messo tutti sul piede di guerra al grido di: ”Non un grammo di aldilà verrà sottratto alla comunità”…

con l’immancabile monito per tutti gli scettici, quelli che sembrerebbero farsi incantare dalle promesse del padrone di casa…

“Attenti compagni, sarà anche Dio…ma sta ciurlando nel manico!!!”

ciao Arcadio, tranquillo…
ora avrai un’infinità di tempo per convincerli…!!!…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.