Il viaggio negli USA, gli Orlando Magic, Scott Skiles… ed il “colpo” di Romanazzi….

Il viaggio negli USA, gli Orlando Magic, Scott Skiles… ed il “colpo” di Romanazzi….

io, Susanna, e gli altri spettatori di quella partita, all’Orlando Arena, non lo sapevamo…ma stavamo assistendo ad un record, quello di Scott Skiles, che sarebbe rimasto tale per molti anni…una serata indimenticabile…anche per Beppe Romanazzi…..

5 agosto 2012

ieri sera io e Susanna ci siamo (re)incontrati con Carlo Argenton (ed Ornella Morini).

Con Carlo ed altri amici partecipammo, a cavallo del Capodanno 1991, ad un viaggio negli USA organizzato da Luca Corsolini, a quei tempi conduttore di una super rubrica settimanale dedicata al basket e trasmessa da Telepiù.
Un viaggio indimenticabile, che ancora oggi ricordo nitidamente anche nei particolari, con 3 partite di basket: Knicks-Milwakee al Madison, Nets -Atlanta a Meadowland, Orlando Magic-Denver all’Orlando Arena.
Fu la notte in cui Scott Skiles (Orlando) stabilì un incredibile record di assist per l’NBA, un record durato oltre 15 anni.

Proprio in occasione del nuovo record il sito playitusa pubblicò un pezzo, con un errore sulla data del record di Skiles.
Inviai due righe di correzione (con tanto di copia del biglietto di quel mitico 30 dicembre 1990) e la redazione del sito mi chiese di scrivere un po’ di righe sul ricordo di quella serata.
Non mi feci pregare due volte ed inviai anche una foto scattata a Jeff Turner…
e soprattutto raccontai l’episodio, incredibile, capitato ad un nostro compagno di viaggio, il bolognese (e fortitudino) Giuseppe Romanazzi, che non venne creduto per anni dagli amici bolognesi cui lo aveva raccontato…

Ieri sera, a cena, abbiamo ricordato tutto questo, ed ho recuperato dall’archivio playitusa del 7 dicembre 2006 , con i ricordi di quella magica serata di ventidue anni fa…
Penso che anche a Carlo Argenton (ed Ornella), così come a Giuseppe Romanazzi e Luca Corsolini (ora impegnato a Londra con Sky per i Giochi 2012) possa far piacere…

e mi vien da dire: non ci sono più i viaggi di una volta…

 

Il pezzo pubblicato da playitusa.com

Link all’articolo

 

07 Dic 2006

La Notte Del Record Di Skiles

Il ricordo della partita, nonostante siano passati 16 anni, è ancora particolarmente vivo.

In quel periodo abitavo ancora in Brianza ed ero abituato al Pianella di Cantù, mitico per noi tifosi ma assolutamente non paragonabile a quello che avremmo visto negli USA, grazie al viaggio organizzato da Luca Corsolini e Telepiù.

Un viaggio particolarissimo anche sotto l’aspetto meteo: nevicata abbondante a New York, fine anno e Capodanno ad Orlando colpita da un’eccezionale ondata di caldo.

Per la mia generazione il Madison era qualcosa di magicamente astratto, ancor più mitizzato dal grande Aldo Giordani (quando si trattava dí magnificare una prestazione monstre non mancava quasi mai la definizione “partita da Madison”).

Si può quindi immaginare la commozione quando, proprio al Madison Square Garden, il 29 dicembre, riuscimmo ad assistere all’incontro Knicks-Bucks, (io a fatica cercai di nascondere un’inevitabile sequenza di lacrime…), condito dalla presenza di Pat Ewing, Kiki Vandeweghe, Jack Sikma, Alvin Robertson, Mark Jackson, Maurice Cheeks.

Avevamo visto, il giorno precedente, anche Nets-Houston (99-101), con Hakeem Olajuwon, Reggie Theus, Sam Bowie, grandi emozioni anche lì, però niente di paragonabile allo stupore dato dalla modernità dell’Orlando Arena.

Quella partita (finita 155 a 116 per i Magic!) fu veramente magica anche per tutta una serie di altri motivi: il record dl assist di Scott Skiles, che mi pare sia stato battuto solo lo scorso anno, il rapido ma elettrizzante incontro con Jeff Turner a bordo campo durante l’intervallo (l’avevamo conosciuto l’anno precedente a Cantù e fu molto disponibile al nostro “richiamo’”, con la “dedica” di 13 punti in due quarti), ed una serie di record negativi, ancora imbattuti, per Denver (sconfitta più pesante, – 39, con il massimo dei punti subiti nella sua storia, 155, e con Il massimo di punti realizzati complessivamente nella partita, ben 271).

Il record di Skiles, causa la nostra conoscenza della lingua non proprio perfetta…, riuscimmo a “coglierlo” solo all’ultimo momento e fu un’emozione incredibile con il pathos crescente e la standing ovation di tutta l’Arena (tutto esaurito!).
Skiles, quell’anno, sarebbe poi stato premiato come “Most Improved Player”.

Recentemente ho “scoperto” che nel roster di quella partita, tra i Nuggets (assente Orlando Woolridge per infortunio) figurava un giovane Chris Jackson, che divenne successivamente Mahrrioud Abdul Rauf giocatore ben noto anche al nostro campionato.

Però, e qui concludo, il ricordo più divertente di quella serata (condito da comprensibile invidia) è legato ad un certo Romanazzi di Bologna, tifoso Fortitudo, che, nonostante non conoscesse una sola parola di inglese, riuscì a “cuccare”, allo Sheraton World Resort di Orlando, una stupenda bionda mozzafiato che lo accompagnò all’Orlando Arena su una cabriolet rossa da sballo precedendo, per tutto il percorso, il nostro pullman.
Dubito che, in questi anni, raccontando l’episodio, Romanazzi sia stato creduto: mi sembra il giusto pedaggio per un’esperienza da far morire d’invidia…

Carlo B. Genova

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.