Il ricordo di Piero Costa

Il ricordo di Piero Costa

 

8 settembre 2013

Un evento molto particolare, non capita di frequente che 150 persone, provenienti da diverse parti d’Italia, si trovino per ricordare un amico che non c’è più.
Quella del basket, però, è una “famiglia” speciale. E’ anche per questo che “I love this game”…

Link all’articolo

(Federico Grasso, per “Il Corriere Mercantile”)
L’apprezzatissimo dirigente avrebbe compiuto ieri settantacinque anni. Tantissimi amici, molti illustri, invitati da Cicci Assandri lo hanno ricordato ieri
TEATRO STRACOLMO. COMMOSSO RICORDO DI PIERO COSTA

Sono le note di “Creuza de ma” – e qui c’è lo zampino del sangue rossoblù di Cicci Assandri, ideatore e realizzatore dell’evento – ad aprire la serata dedicata al ricordo di Piero Costa, ultimo grande dirigente ligure capace di raccogliere i favori di diverse piazze di serie A. Ma soprattutto, di conquistare il cuore delle persone che lo hanno circondato.
Oggi Piero avrebbe compiuto 75 anni, e per ricordarlo il decano degli allenatori liguri, con la collaborazione di Alessandro Quattrino e Carlo Besana, ha richiamato al Teatro della Gioventù oltre 150 persone provenienti da tutta Italia.
Marco Bonamico, Carlo Caglieris, Stefania Passaro, Filippo Faina e tutta la formazione dell’Almo Nature Genova, oltre a Pippo Lamberti, che non c’entra con la pallacanestro ma è uomo di spettacolo (ideatore fra l’altro dei Cavalli marci).
Il giornalista sky Luca Corsolini è stato il sapiente equilibrista capace di mixare l’impetuosa verve di Assandri con le testimonianze strappa-applausi (e qualche lacrima) degli amici di lunga data Valerio Bianchini e Mauro Di Vincenzo, due allenatori che hanno scritto pagine importanti del basket tricolore.
«Ricordare Piero Costa significa ricordare una certa idea di basket – introduce Corsolini – fatta di persone più che di nomi o targhe, e non poteva esserci migliore scenografia del divano de La Strana Coppia, come quella che lui mandava in campo. Lui era un dirigente del basket, non soltanto di basket».
La parola passa a Mauro Di Vincenzo, che prima di leggere l’sms di Alberto Bucci (assente giustificato per la nomina a presidente del Basket Brescia, così come Ario Costa e Gaetano Gebbia), apre il libro dei ricordi con un eloquente: «Ma se Piero fosse qui vi immaginate che risata si farebbe?».
La sala è gremita di una platea variegata: dai giovanissimi ai pilastri dell’Elah degli anni 90 (Giannini e Morando), dalla pattuglia chiavarese a tanti amici e conoscenti di Piero Costa.
«Piero era un signore che sapeva stare in qualsiasi contesto – riprende Di Vincenzo – e ne diventava subito protagonista. Ho avuto la fortuna di frequentarlo a Livorno e a Bologna; mi è rimasto dentro il suo sorriso che sapeva contagiarti, perché veniva dal cuore».
Il microfono passa ad Assandri: «Sono entrato in un’età in cui sento dire ‘Ti ricordi di… Non c’è più“. E quindi è il momento dei sogni. Ricordare Piero Costa è uno di questi. Credo che in Italia non ci siano mai state così tante persone a celebrare una riunione di cuore».
Valerio Bianchini (per cui Assandri vorrebbe la presidenza del Comitato Nazionale Allenatori) è un fiume in piena: «Avevo già visto Genova, quando c’era la serie A. E prima ancora: da ragazzino i miei avevano casa a Clhiavari, che per me era il basket. Cesare Rubini, allenava meglio in piscina che in palestra, i primi americani imbarcati nelle portaerei. E poi Piero Costa, che aveva già fascino da piccoli. Ti coinvolgeva con un entusiasmo strepitoso, pur lontani siamo sempre stati amici».
Mazzo di fiori per la moglie, Cristina Tombini.
«Aveva rispetto per chiunque, teneva rapporti bellissimi, si informava. Aver vissuto in mezzo ai giovani, lo ha tenuto giovane anche a 55 anni. A 60 no perchè non c’è arrivato».

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.