Il Pianacci festeggia i suoi 15 anni a Palazzo Ducale

Il Pianacci festeggia i suoi 15 anni a Palazzo Ducale

 

11 marzo 2012

15 anni…
non ci sarà la torta con le candeline, ma ci sarà molto di più: il riconoscimento ufficiale della “città che conta” ad un quartiere che ha rialzato la testa, passando dalla marginalizzazione alla dimensione di “laboratorio sociale”…

Link all’articolo

(Graziano Cetara, per “Il Secolo XIX”)
Quindici anni di iniziative per ribaltare i pregiudizi e diventare caso pilota per tutti i ghetti
FESTA AL DUCALE PER LA PIAZZA DEL RISCATTO CEP
Compleanno da star della cultura e del sociale nel palazzo del Doge per l’area Pianacci sulla collina di Pra’

 

«FORTE quest’area Pianacci, forte questo farmacista».
Adriano Celentano al telefono con Carlo Besana, la star della musica e delle teleprediche da una parte, e il trascinatore del Cep dall’altra, prima dello show benefico per gli alluvionati.
E’ stato forse il momento più alto della notorietà di questa piazza rubata al degrado che oggi compie quindici anni.
L’area Pianacci, oasi nata tra i palazzoni anonimi dell’edilizia popolare che negli anni Settanta-Ottanta sfornava ghetti e li lasciava morire. Area costruita dal Comune per lo sport e tempo libero di tutto il ponente ma resa vitale da un consorzio di società e dalla mente vulcanica farmacista diventato, ormai cinque anni fa, volontario a tempo pieno.

Oggi, caso più unico che raro nella storia genovese, si festeggia il compleanno di un’area. Come fosse una persona cara.
E la famiglia che prepara la torta e chiama a raccolta gli invitati è nientemeno che la Fondazione Cultura Palazzo Ducale.
Succederà in quella che fu “adorata dimora del Doge„ oggi a partire dalle 14,30.

Una festa in piena regola, in parte riservata a cento abitanti del Cep e in parte aperta a tutta la città.
E’ un regalo ideato dal presidente della Fondazione, ed ex assessore comunale alla Cultura, Luca Borzani: «Il Consorzio Pianacci. insieme a molte realtà del Cep, si è distinto in questi anni per una intensa opera di “animazione sociale” che ha contribuito a virare l’immagine e la pratica del Cep da quella di quartiere marginalizzato a quartiere che contiene esempi di progettazione e pratica sociale che ha fatto da esempio alla città e non solo».

Quindici armi di feste rionali e concerti di richiamo quantomeno nazionale, dai tre tenores (un po’ meno di Pavarotti & friends, ma comunque tre voci di livello assoluto), che per la prima volta videro le donne del quartiere uscire in abito da sera per restare nella piazza sotto casa. Ai tornei con titoli improbabili, tutti giocati a partire dal famigerato (un tempo) acronimo del Cep. “CE’ Posto per tutti” fu il primo.
E poi arrivarono Cuscus E Pesto, con le donne dei quartiere a cucinare la salsina verde con il basilico praese e i musulmani del Cep ai fornelli per far assaggiare le specialità delle terre mediorientali. Un esperimento di dialogo tra culture che è diventato un esempio per tutta la città, a partire dal luogo di culto, una moschea ante litteram, avviata senza alcun sopracciglio alzato.
Non poteva mancare per un’area così la benedizione di Don Andrea Gallo, che ha scelto Pianacci per il suo compleanno.
E anche la comicità del savonarola genovese, Beppe Grillo, unita alla musica dei tantissimi artisti che si sono esibiti al Palacep.
«Quando è iniziata la nostra avventura, l’8 marzo del 1997dice Carlo Besananessuno avrebbe potuto immaginare tutto quello che poi siamo riusciti ad attivare e, soprattutto, questo incredibile cambiamento nel rapporto tra il Cep e la città».

 

Link all’articolo

(Raffaele Niri, per “Repubblica Genova”)
Quindici anni di Cep, festa d’anniversario visitando il Ducale
Al Ducale omaggio ai 15 anni del sodalizio che ha trasformato un quartiere
BENVENUTI AL CEP
Miracoli in collina. La periferia invitata a Palazzo

L’idea è affascinante: portare il Cep nel cuore del centro.

Rovesciando lo schema scontato e un po’ demagogico del decentramento a tutti i costi, quella di oggi è la Festa dell’Accentramento: chi ha ottenuto, a suon di iniziative, una centralità effettiva – in barba alle distanze chilometriche dal centro vero e proprio – viene chiamato a far festa nel luogo più centrale che c’è.

La notizia: quella che è una delle più belle realtà decentrate a livello nazionale festeggia i suoi quindici anni con una giornata intera nel posto più bello della città, cioè Palazzo Ducale.
E il presidente della Fondazione Cultura, Luca Borzani (che ha avuto l’idea del festeggiamento pubblico) ha trovato anche due pullman che porteranno cento soci del Consorzio Pianacci in centro (e, ovviamente, li riporteranno poi a casa).

Ma non è una festa solo per la gente del Cep: concerti e dibattiti saranno gratuiti e aperti a tutta la città.
Spiegano a Palazzo Ducale: «Le periferie delle grandi città sono ormai uno dei principali contesti dove si definiscono nuove culture, processi di integrazione tra etnie, soluzioni sociali e pratiche di cittadinanza attiva. In occasione dei quindici anni di attività del Consorzio Sportivo Pianacci, Palazzo Ducale diventa lo spazio fisico e la cornice culturale per dare ‘centralità” ad una delle migliori esperienze di animazione sociale. Quella di oggi sarà una giornata di festa e confronto sull’attualità delle periferie cittadine ed europee».

Celentano e don Gallo, Travaglio e i Subsonica, Beppe Grillo e mille iniziative diverse (dell’integrazione cus cus & pesto parlarono i giornali di tutta Italia): tantissimi i compagni di strada del Consorzio Pianacci, ma, ovviamente, nulla sarebbe stato possibile senza il motore assoluto, un farmacista arrivato dalla Lombardia che si è tirato su le maniche ed ha cominciato a lavorare per il bene comune.

Racconta Carlo Besana: «Quando è iniziata la nostra avventura, l’8 marzo del 1997, nessuno, neanche il più ottimista. avrebbe potuto immaginare tutto quello che siamo poi riusciti ad attivare e, soprattutto, questo incredibile cambiamento nel rapporto tra il Cep e la città. Oggi, in città. non si storce più il naso quando si cita il Cep e questo e forse il premio migliore per il nostro lavoro».
Sintetizza Enrico Testino, “ceppista” ad honorem e membro del consiglio direttivo del Consorzio Pianacci: «Oggi il Cep viene invitato a Palazzo, non per promuovere e sostenere una sperata centralità delle periferie ma per ospitare e rappresentare una centralità ottenuta».

E veniamo al programma odierno: il ritrovo in via della Benedicta è alle 9,30. alle 10,45 è prevista una visita guidata a Palazzo Ducale, cui seguirà un pranzo a buffet nella la Sala del Munizioniere.
Alle 14,30 concerto del Gnu Quartet, i saluti di Borzani e Besana, proiezioni di immagini dei primi quindici anni con il commento dei professori Luisa Stagi e Agostino Petrillo, mentre l’intervento di don Gallo è ancora in forse.

Poi il Cep torna al Cep.
Ma qualcosa, nell’aria del Ducale, sarà cambiato.

 

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
Quindici anni – Oggi al Ducale gli “amici” del Consorzio dei Cep
LA GRANDE FESTA DI COMPLEANNO PER LA PIANACCI
Cento cittadini visitano il palazzo, poi musica con Gnu Quartet e un incontro

Quindici anni. L’età di un adolescente, ma anche uno dei momenti più belli e difficili della vita di un uomo e di una donna.
Ed è a questo punto della sua esistenza che è giunto il Consorzio Pianacci, la creatura dell’ex farmacista Carlo Besana – ma poi anche di tante altre persone – che a metà degli anni Novanta ha trasformato un quartiere ghetto in un fiore all’occhiello del riscatto sociale e del dialogo fra culture diverse.
Un esperimento riuscito alla grande, studiato anche oltre i confini della nostra regione e consacrato da una serie di eventi sul territorio, che hanno avuto il loro culmine con la festa per alluvionati del dicembre scorso insieme ad Adriano Celentano.

Per celebrare questo anniversario la Fondazione Cultura, presieduta da Luca Borzani, ha deciso di dedicare una giornata all’associazione Pianacci ospitandola oggi a Palazzo Ducale e offrendo ai suoi soci e ai cittadini genovesi una giornata di appuntamenti da non perdere.
Alla festa sono state invitati cento abitanti del Cep a cui verrà offerta una visita guidata a Palazzo Ducale e un pranzo nella Sala del Munizioniere.
Nel pomeriggio, invece, gli eventi saranno aperti a tutti.
Si partirà alle 14,30 con il concerto degli Gnu Quartet, a cui seguiranno la proiezione di immagini sui primi 15 armi di attività del Circolo Arci Pianacci, con il commento della professoressa Luisa Stagi (docente di Sociologia presso l’Università di Genova) e del professor Agostino Petrillo (ricercatore e sociologo) mentre, in chiusura, ci sarà un intervento di don Andrea Gallo.

In questi 15 anni il Consorzio Pianacci, insieme a molte realtà del Cep, si è distinto per un’intensa opera di “animazione sociale” che ha contribuito a virare l’immagine e la pratica del Cep da quella di quartiere marginalizzato a quartiere che contiene esempi di progettazione e pratica sociale.
Iniziative di Integrazione come Cus Cus e Pesto (che coinvolge cittadino italiani e stranieri), sviluppo di percorsi sociali per il quartiere con attività per il tempo libero, corsi, feste, sostegno a persone in difficoltà ed eventi come la rassegna annuale estiva e serata con veri e propri big della musica, dello spettacolo e della cultura con il già citato Celentano, Beppe Grillo, Marco Travaglio, i Subsonica.
Una tradizione che trova un’ulteriore conferma, visto che nei giorni scorsi, dopo che il circolo Pianacci è riuscito a ottenere i permessi acustici per gli spettacoli dal vivo al Palacep (il palazzetto di via della Benedicta), è stato ufficializzato il concerto di Ky-Mani Marley, star internazionale della musica reggae e figlio del leggendario Bob Marley, che arriverà proprio al Cep il 24 aprile.

Si tratta della seconda delle uniche due date italiane dell’artista (la prima è ai Magazzini generali di Milano il 23).
L’intero ricavato sarà devoluto alla Comunità di San Benedetto al Porto di don Andrea Gallo.

 

LA GRANDE FESTA DEL CEP, QUINDICI ANNI DI IMPEGNO SOCIALE

 L’8 marzo 1997 iniziava l’attività il Consorzio Pianacci: quindici anni di iniziative che hanno abbattuto lo steccato tra la città e il quartiere periferico.
Per ricordarle è stata organizzata una domenica di festeggiamenti.
(il video di Fabrizio Cerignale, per Repubblica TV)

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.