Il nuovo supermarket sotto il vecchio Carrefour

Il nuovo supermarket sotto il vecchio Carrefour

 

12 maggio 2011

L’esperienza insegna che se ci si muove tutti insieme ogni ostacolo può essere superato. Soprattutto se, come in questa vicenda, le decisioni vengono assunte insieme, cittadini ed amministrazione cittadina, e tutti insieme si vigila affinché quanto deciso si traduca in azione concreta. In queste dinamiche il ruolo di regia del Circolo Pianacci è, come è stato in altre occasioni, assolutamente determinante.

Link all’articolo

(Diego Curcio, per “Il Corriere Mercantile”)
CEP, IL NUOVO SUPERMARKET SOTTO IL VECCHIO CARREFOUR
Affollata assemblea martedì sera alla presenza di esponenti delle istituzioni
Oggi il sopralluogo per sciogliere il nodo dei parcheggi

Per il momento non ci sarà nessuna “operazione carrello pazzo” (traduzione maccheronica del nomignolo Carrefool).
Ma se gli abitanti del Cep non vedranno dei risultati al più presto, Carlo Besana e i suoi troveranno sicuramente il modo di mettere alle strette le istituzioni e – in questo caso – i privati, dando sfogo all’ennesima protesta creativa (rispolverare per credere il compleanno del furgone bruciato, l’operazione tartaruga e le canzoni contro le ronda, la gronda e il silos dell’Acquasola).
Facendo un breve riassunto delle puntate precedenti: il 29 dicembre scorso l’unico supermercato del quartiere collinare di Prà, marchio Carrefour, ha chiuso i battenti senza preavviso. E anche se altre tre catene si sono dette interessate a prendere il suo posto (parliamo di un bacino di utenza di 6 mila persone), l’azienda non ha voluto consegnare le chiavi dei locali occupati (e appartenenti ad Arte), impedendo l’ingresso a chiunque – grazie a un cavillo giuridico – fino al novembre prossimo, data in cui scade il contratto. Per sloggiare, Carrefour, chiede la bellezza di 18 mensilità (circa 30 mila euro). E così lunedì sera, l’assessore al commercio Gianni Vassallo, il presidente del Municipio VII Ponente Mauro Avvenente e il consigliere comunale dell’Altra Genova Emanuele Basso hanno partecipato a un’affollata assemblea pubblica con circa 150 abitanti del quartiere, per cercare di arrivare a una soluzione alternativa.
«L’idea prospettata dalla civica amministrazione – ha detto Carlo Besana, presidente del consorzio Pianacci e motore della rinascita del Cep – è stata quella di utilizzare i locali sotto il Carrefour, che però bisogna adibire a uso commerciale».
L’unica incognita riguarda 10 parcheggi condominiali, che con l’apertura del nuovo supermarket dovrebbero sparire. E proprio per questo, nella mattinata di oggi ci sarà un sopralluogo per decidere come recuperare i posti auto in una posizione diversa. Anche se al Cep, visti gli spazi, quello del parcheggio è davvero l’ultimo dei problemi.

PROMESSA – L’assessore
«Mi impegnerò personalmente per chiedere al più presto una variante d’uso commerciale per i locali sotto il Carrefour».
L’assessore al Commercio Gianni Vassallo vuole fare presto. La pratica del supermercato del Cep, quartiere collinare di Prà che negli ultimi quindici anni è stato interessato da una vera e propria trasformazione, ma che deve fare ancora i conti con una serie di vecchi pregiudizi, va chiusa al più presto, «in modo da restituire – ha detto l’esponente della Giunta nel corso dell’assemblea dell’altra sera in via Due Dicembre – un presidio e un servizio importante come questo a tutta la comunità».
Il primo ostacolo da superare però, vista l’impossibilità di mandare via Carrefour dai locali che occupa pur tenendo al serranda abbassata, è quella della burocrazia: e cioè il cambio di destinazione d’uso di alcuni spazi, un tempo promessi al comitato di quartiere, e oggi possibile nuova sede per il nuovo market del Cep (già tre catene si sono proposte per stabilirsi sulle alture di Prà). Superato questo ostacolo, però, occorre trovare anche una nuova sistemazione per dieci parcheggi. «Si tratta di posti auto condominiali – conclude Vassallo – e visto che non vogliamo creare problemi a nessuno, stiamo cercando il modo di ricavarne altrettanti, poco distante da lì».

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.