La festa salvezza dell’NBAZena con Don Gallo e Padellaro

La festa salvezza dell’NBAZena con Don Gallo e Padellaro

17 maggio 2011

Un campionato tribolato, concluso con due “premi”: la salvezza, sofferta, e la festa in “casa” di Don Gallo, il ristorante “‘A Lanterna”, ospiti del nostro “tifoso numero 1”, con la sorpresa di una visita prestigiosa, quella di Antonio Padellaro, direttore de “Il Fatto Quotidiano” ed amico del Don.

Link all’articolo

(Corriere Mercantile)
NBA-ZENA HA FESTEGGIATO LA SALVEZZA CON DON GALLO
Conclusa al meglio una stagione tribolata, tutte a cena alla Comunità di San Benedetto al Porto, con un tifoso speciale che ha indossato la sua maglia numero 1

Il campionato nazionale di Serie B d’Eccellenza di basket femminile è stato molto tribolato per l’NBA-Zena, unica formazione cittadina nei campionati nazionali di basket.
Moltissimi infortuni, qualche “passaggio a vuoto” e la necessità di guadagnarsi la riconferma in B nazionale attraverso i playout, tenutisi a Parma, contro la formazione veneta del S.Maria di Sala e contro Forlì.
Proprio al termine dell’incontro con Forlì, che sanciva la permanenza nel campionato nazionale di Serie B d’Eccellenza dell’NBA-Zena, era arrivata, puntuale e gradita la telefonata di Don Gallo, che prima dell’incontro aveva inviato alle ragazze un sms di incoraggiamento.
Oltre ai complimenti il prestigioso “tifoso numero 1” delle cestiste genovesi aveva aggiunto un invito perentorio: tutte a cena al ristorante ” ‘A Lanterna”, gestito dalla Comunità di San Benedetto al Porto!

E così è stato.
Le giocatrici (accompagnate dallo staff tecnico e dai dirigenti) si sono presentate indossando la sopramaglia con il logo della Comunità di Don Gallo e la scritta “In direzione ostinata e contraria” , firmata De André e scelta dallo stesso Don Gallo.
Il vulcanico sacerdote ha “contraccambiato” indossando la maglia da gara dell’NBA-Zena, quella con il “suo” numero 1.

Nel corso della serata le ragazze hanno potuto incontrare un altro “numero uno”, Antonio Padellaro, prestigiosa firma del giornalismo italiano e direttore de “il Fatto Quotidiano” che, di passaggio a Genova, ha colto l’opportunità per un incontro con il sacerdote-scrittore.
Insomma, una serata molto particolare nel corso della quale, come sancito dall’obiettivo della macchina fotografica, non sono di certo mancati i brindisi…

Infine, una notizia eclatante: oltre 4 ore di impegno collettivo della squadra e non si è verificato alcun infortunio….

   

Link al mio album fotografico su Fb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.