Il nome

Il nome

 

20 dicembre 2013

 

Questa la devo proprio raccontare ….

 

Il Cep in realtà si chiamerebbe Ca’Nuova e, quando il Cep era qualcosa di ben diverso dalla realtà odierna, ed era sinonimo, in città, di qualcosa da evitare, giustamente qualcuno aveva provato ad “imporre” la vera denominazione, peraltro senza mai riuscirci (quando un acronimo breve, come Cep, si impone nell’immaginario collettivo, diventa comodo da usare e difficilissimo da “estirpare”… basti pensare, con un paragone iperbolico, a Pelè, che nessuno ha poi più chiamato Edson Santos Arantes do Nascimiento, o Zico che nessuno ha più chiamato Arthur Antunes Coimbra…).

Nel frattempo, negli ultimi anni, le cose sono molto cambiate, il Cep in molte situazioni è stato indicato come esempio di percorso virtuoso delle periferie urbane, ed oggi quella denominazione composta da tre lettere viene vissuta con legittimo orgoglio da parte delle nuove generazioni.

Qualche giorno fa, nel corso di un’attività post scolastica svolta da un centro sociale che opera nel quartiere, ai ragazzi presenti è stato chiesto di scrivere quale fosse l’esatta denominazione del Cep.
Molti non hanno risposto, una paio hanno azzardato “Pianacci???”

una bimba, convinta di saperne più degli altri ha esclamato…“Besana???“…

Quando me l’hanno riferito, non ho potuto fare a meno di ridere a crepapelle…
e subito dopo rendermi conto che le due risposte (Pianacci e Besana) nella loro spontaneità erano in realtà tra i complimenti più belli che avessi mai ricevuto…

e mi sono un po’ commosso …

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.