il mio primo derby a San Siro…e dal nulla spuntò “lui”, Mariolino Corso…

Featured Video Play Icon

 

 

il suo cognome era “Corso”, participio passato del verbo correre…
ma era uomo dal tocco magico, da grande artista del calcio…

 

se mi dovessero chiedere quali siano le “date” importanti della mia vita, l’8 marzo avrebbe sicuramente un posto nella top 5

e la segnalerei pensando all’8 marzo 1997, data in cui venne inaugurata l’Area Pianacci e, per me, allora novello presidente arrivato al Cep da poco più di un anno, l’inizio di una bella storia che dura ancora…

non ricordavo, almeno fino a pochi minuti fa, che l’8 marzo fu una, triste ma importante, anche per il mio ancor più lungo percorso da tifoso milanista…

Era l’8 marzo 1970, domenica…

I miei erano stati invitati a pranzo a Milano, dai miei zii, nella loro casa di Corso Garibaldi…

Mio zio Aristide e mio cugino Ambrogio erano, come me, tifosi rossoneri doc e quel giorno si giocava il derby di ritorno del campionato 1969-1970…

Il Milan era la squadra Campione d’Europa, pochi mesi prima aveva stracciato (4-1) l’Ajax di Johan Cruyiff nella finale di Madrid…
Gianni Rivera, primo calciatore italiano a riuscirci, aveva vinto il Pallone d’Oro

mancavano poche giornate al termine del campionato che sarebbe stato vinto dal Cagliari di Gigi Riva

il derby in quel momento era forse più importante per l’Inter, seconda alla fine di quel campionato, che per il Milan, ma il derby è sempre il derby…

perciò, quando mio zio e mio cugino proposero di andare a San Siro, con mio papà consenziente, non ci volevo credere: il mio primo derby!!!

Nevischiava, e dall’alto della loro “esperienza” Aristide ed Ambrogio erano sicuri che i bagarini avrebbero dovuto svendere i loro biglietti, e così fu…

già dalla fermata autobus fummo assediati, con offerte sempre più al ribasso…
alla fine, a pochi passi dall’ingresso, Ambrogio riuscì a “concordare” 500 lire…

ci piazzammo dietro la porta di Lido Vieri, portiere dell’Inter…

il Milan scese in campo con la formazione che, Rosato a parte, sostituito da Gino Maldera (fratello maggiore di Aldo), e con l’argentino Nestor Combin al posto di Hamrin (ceduto al Napoli) era quella campione d’Europa, che conoscevo a memoria: Cudicini, Anquilletti, Schnellinger, Maldera, Malatrasi, Trapattoni, Combin, Lodetti, Sormani, Rivera, Prati…

La neve di tanto in tanto tornava a cadere nel corso della partita, ma il terreno di San Siro teneva bene…

Il Milan fu a lungo padrone del campo, ma la difesa dell’Inter riuscì a tornare indenne negli spogliatoi; non fu così, sul piano fisico, per il nostro “Ragno Nero”, Fabio Cudicini, eroe di tante battaglie europee.
Vittima di un infortunio, venne sostituito nell’intervallo dal portiere di riserva, il giovanissimo, poco più che ventenne, William Vecchi, che indossava un’atipica maglia verde, quasi fluorescente…

Anche nel secondo tempo l’Inter non riuscì mai ad essere pericolosa; Il Milan continuò ad attaccare, Combin fu più volte pericoloso, ma anche lui, come Cudicini, fu costretto a lasciare il campo per infortunio…

pochi minuti dopo la sua uscita dal campo, ad una manciata di minuti dal termine, il patatrac, proprio nella porta presidiata, sotto di noi, da William Vecchi…
un’azione confusa al limite dell’area, piena zeppa di maglie rossonere…

il pallone che rimbalza su Maldera, al centro dell’area…
lui si gira, per un comodo appoggio a Vecchi che rimane tra i pali…
la palla si ferma lì, a metà strada tra i due, per una frazione di secondo, quasi impantanata nel terreno fradicio di nevischio…

e da quel nugolo di maglie rossonere spunta lui, Mariolino Corso…

Mario Corso, figurina 1969-1970
(clicca per ingrandire)

non c’eravamo manco accorti che fosse in campo, nessuno l’aveva notato nei precedenti ottanta minuti…

d’altro canto non erano le “sue” partite, c’era da faticare su quel terreno e lui non era proprio uomo di fatica…

non a caso, si diceva, il suo cognome era “Corso”, participio passato del verbo correre…

lui era uomo dal tocco magico, da grande artista del calcio…

le sue punizioni “a foglia morta”
, veri e propri capolavori, destavano ammirazione anche nei più acerrimi tifosi avversari…

 

 

 

beh, dicevo, in mezzo a quel nugolo di maglie rossonere spunta lui, Mariolino Corso, e con il suo sinistro fatato beffa il nostro portierino…
1-0 per l’Inter e tutti a casa…

tornando verso Corso Garibaldi, sull’autobus, trovammo diversi tifosi rossoneri, delusi come noi…

mio zio, da vero uomo di sport, battibeccò con un tifoso che cercava di minimizzare la giocata di Corso, riducendola ad un banale “colpo di fortuna”…

con il suo linguaggio sinteticamente efficace gli disse “ Ti te ciapet ul cò per ul cü…” (“Tu confondi il sedere con la testa”), sottolineando non il colpo di fortuna ma l’ammirazione per l’intuizione del grande campione, che sa sempre trovarsi al posto giusto nel momento giusto…

con l’aggiunta di “quel” piede, da molti definito “il piede sinistro di Dio”…

e Mariolino Corso, all’età di 79 anni, è tornato proprio lì, nella casa di chi gli ha donato quel magico piede…

quando l’ho letto, stamane, il mio pensiero è andato subito a quel mio primo derby a San Siro…

ho cercato sul web, ed ho trovato la data: toh, un altro 8 marzo, quello del 1970, 23^ giornata…

lassù Mariolino Corso troverà tanti altri campioni del passato…
magari proverà ad insegnare a qualche “ruvido” giocatore del passato i segreti della sua “foglia morta”…

ed anche nelle infinite partite che disputeranno sulle grandi praterie dell’aldilà, cercherà di correre il meno possibile…

tanto a lui, con l’intuizione del grande campione, basterà essere lì, di tanto in tanto…
al posto giusto nel momento giusto…

 

 

il gol di Mariolino Corso

 

 

———————————————————————————————————–

(sul web ho trovato anche questo ritaglio di giornale dell’epoca)

derby numero 158, 8 marzo 1970.
Si gioca su un terreno al limite della praticabilità, fa un freddo cane.
Notevole equilibrio tecnico, il match sembra avviato a chiudersi sullo 0-0.
Ma, a dieci minuti dalla fine, Mario Corso, il Mandrake del nostro calcio, piazza la botta e lascia il segno.
Approfitta di un’ingenuità di Maldera (corto alleggerimento sul portiere Vecchi che ha sostituito Cudicini durante la gara) per rapinare letteralmente la palla  e insaccare eludendo la disperata uscita del giocatore numero 12 rossonero.
Il Milan, rintronati dal terribile colpo, infertogli da Mariolino, non saprà reagire.
Vittoria nerazzurra ottenuta per 1-0.  

la “rapina” del mancino
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *