Il “doping” migliore…

Il “doping” migliore…

1 luglio 2012

 

La copertina

Queste sono le copertine di un libro che mi è stato consegnato ieri dal postino.

L’autrice, Rebecca Tomatis, oltre ad essere (ora) laureata in farmacia e quindi collega, è stata “mia” giocatrice agli esordi dell’NBA-Zena (allora la denominazione era NBA-Albissole); era il campionato 2007-2008, e fu un’esperienza in cui purtroppo (per entrambi) Reby non riuscì a dimostrare le sue indubbie qualità, a causa dei postumi di un intervento al ginocchio che l’avrebbe condizionata anche successivamente.
Un’annata non felicissima, per noi, anche in termini di risultati, con la salvezza agguantata ai playout (ai quei tempi non lo potevamo sapere, ma sarebbe stato il “leit motiv” di ogni nostro campionato….).

Tornò a Vercelli, in B regionale e ci siamo ritrovati poi, con molto piacere (ancorché avversari), in B nazionale, campionato in cui è tornata a giocare nella formazione Stars Novara.

Dico “con molto piacere” anche perché nel nostro primo anno in B nazionale, benché non abbia in pratica potuto giocare, abbiamo avuto modo di consolidare la stima reciproca, formatasi l’anno precedente, quello in cui (2006/2007) Reby era stata compagna di squadra di mia moglie alla Cestistica Savonese.

Tutto questo per sottolineare con quale piacere abbia colto un particolare per me non insignificante: la foto scelta per la copertina è quella con la maglia della “nostra” squadra, ed è il segno, per me importante, che nello sport si possono costruire storie bellissime al di là dei risultati dati dal campo.
Un’ulteriore conferma viene dalla dedica (a me e Susanna), che Reby ha scritto di suo pugno sulla controcopertina….

Per me, in assoluto, il “doping” migliore.

Grazie Reby!!!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.