Il beverone….(ed il Pianacci blues…)

Il beverone….(ed il Pianacci blues…)

 

16 ottobre 2013

 

Oggi, in teoria, avrei dovuto sistemare un sacco di documenti accatastati in casa, nel “mio spazio”…

inizio, e subito mi capita tra le mani il dvd con il filmato integrale della serata pro alluvionati (dicembre 2011) al PalaCep, quella con Adriano Celentano, Don Gallo (Don Andrea Gallo), Biagio Antonacci, Beppe Grillo e Gino Paoli…

non resisto, mando a quel paese la voglia di mettere in ordine, inserisco il dvd nel lettore e mi gusto tutto lo spettacolo…

ho scritto, giustamente, “gusto” e non “ri-gusto”, perché quella sera, preso dagli aspetti organizzativi, mi persi tutta la prima parte; riuscii a “vivere” la parte sul palco, quella con Celentano, perché ero lì, emozionato e partecipe…

ed il dvd con tutto il “girato” mi è stato recapitato pochi giorni fa….


il Pianacci blues di Beppe Grillo

ho così potuto ascoltare per la prima volta, tra gli interventi esilaranti di Beppe Grillo e le magiche atmosfere di Paoli ed Antonacci, gli apprezzamenti, nei confronti del Pianacci (ed anche rivolti a me personalmente) che gli stessi Grillo, Celentano e Paoli fecero dal palco.

Fu proprio una serata magica, con tanta gente venuta da fuori ma anche con molta gente del quartiere, orgogliosa del fatto che i riflettori nazionali (e non solo) fossero accesi quella sera proprio sul Cep, strumento per un evento eccezionale con nobili finalità…

proprio ripensando a quella magia (una tra le tante che hanno caratterizzato il Cep ed il Pianacci per molti anni) mi è venuto spontaneo fare mentalmente un rapido cocktail comprendente:

un pizzico di soggetti istituzionali (municipali in primis …)…
qualche locale leader (si fa per dire) di importanti partiti (si fa per dire…), qualche suo collega a livello cittadino… 
cittadini paranoici che fanno denunce… 
cittadini che pensano di rappresentare un territorio (ed al massimo rappresentano loro stessi) che li supportano, giusto per provare dare un senso alla loro insignificante esistenza…

ho aggiunto…

un po’ di sapore amaro (perché grazie a loro al Cep non c’è più manco una serata di liscio)… 
un pizzico di aroma acidulo (giusto per i dieci giorni di carcere che mi sono stati affibbiati, per quanto poi convertiti in pesante sanzione amministrativa)….

e questo bel beverone, dopo averlo shakerato ben bene, l’ho versato, tal quale (sempre mentalmente…) tutto quanto nel cesso, il posto giusto per gente così….

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.