i tre eventi, con Giuliogol e Drina A12…

i tre eventi, con Giuliogol e Drina A12…

I murales di Drina e GiulioGol restituiscono un po’ di storia umana al luogo
e un po’ di tempo a chi li guarda.

Con questo post annunciamo un nuovo evento al Pianacci, Cep.

In questo luglio Drina A12 e Giuliogol realizzeranno un grande murales al Pianacci.
E il loro “cantiere” durerà alcune settimane, li potete vedere all’opera lì.

Il primo evento, di questo evento, è avere, appunto, un nuovo lavoro di arte urbana nel parco che gestiamo.
(Ed è bellissimo, ve lo diciamo. Perché noi abbiamo visto le bozze. E voi no).

Il secondo evento, di questo evento, è potere vedere all’opera questi due artisti.
Avere il privilegio, per chi vuole, di vedere nascere il grande disegno, l’opera di arte urbana.

Il terzo evento, di questo evento, è umano.
Avere Drina e GiulioGol un mesetto lì, a lavorare, scambiarsi sguardi, chiacchierare con chi vuole chiacchierare (se ne hanno voglia), girarsi sigarette, condividere tempo.

Uno spazio, come loro sanno creare, dove il lavoro è anche usare, tranquillamente e pienamente il tempo, come gustarsi qualcosa di prezioso, una liquirizia, popolare ma unica per ognuno.

Uno spazio dove il lavoro non dà come risultato solo il disegno che vedi, ma anche il tempo che spendi per realizzarlo. E te lo devi gustare, sia per utilizzarlo nel modo perfetto e dedicato, sia perché poter lavorare a qualcosa che ti piace è anche un frutto, meraviglioso, della tua vita.

I “murales” di Drina e Giuliogol, hanno, ovviamente, loro caratteristiche e poetiche.
Non aumentano linee di fuga, non fanno sfrecciare colori a gara con l’ambiente circostante, non rivitalizzano muscolarmente il luogo, non inventano scenari e tentativi di sguardi sul futuro.

I murales di Drina e GiulioGol restituiscono un po’ di storia umana al luogo e un po’ di tempo a chi li guarda.
Fanno emergere, forti, figure che sono già lì, nell’immaginario di tutti noi, che vengono dalla storia, da quello che è già accaduto ma che accade anche ora, e si manifestano sul muro, con una forza particolare, e un modo personale, come se fossero nostri amici che vengono da un tempo e un immaginario collettivo da dentro tutti noi.

Appaiono come pezzi di passato ma poi ti rendi conto che sono il presente.
Arrivano e dicono: “Ehi, noi ci siamo. Siamo un pezzo di te, delle tue emozioni. La storia, le emozioni umane che, sempre quelle, al di là delle mode, dei vestiti, dei cambiamenti, ci sono. Eccoci. Prenditi pure un po’ di tempo, noi siamo qui, con te”.

E infatti i murales di Drina e GiulioGol non sono fatti per guardarli passando in macchina, non ti nutrono solo con una vista di un secondo.
Quando li vedi ti fermi un attimo, perché fanno emergere qualcosa, da te, e devi sostare un attimo per riconoscere quel che emerge.
Qualcosa che sembra, subito, malinconico, ma che invece ha la potenza delle esperienze individuali di ogni vita, che ti guardano, e che mica puoi farle sparire semplicemente intontendoti di velocità.

Consigliamo di fare un giro al Pianacci, in questi giorni.
E’ un laboratorio di creatività, sul tema delle arti visive ed urbane.

Il corso di writing, con Andrea Castagnino, il corso di aerografo con Giuliano Rapetti e il cantiere di Drina e Giuliogol.

E poi, ricordatevi, il murales che stanno facendo è bellissimo, è un consiglio, una istruzione, un invito per tutti noi.

E noi lo sappiamo, perché abbiamo già visto le bozze. E voi no.
🙂

(post dalla pagina Facebook del Consorzio Pianacci)

Giuliogol e Drina A12 – 2 luglio 2021
(clicca per ingrandire)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.