I silenzi (imbarazzati) del PD

I silenzi (imbarazzati) del PD

6 novembre 2012

 

Link all’articolo

(Marco Imarisio, per “Il Corriere della Sera”)
I SILENZI (IMBARAZZATI) DEL PD
SUL DRAMMA DELL’ALLUVIONE A GENOVA

Che brutta immagine, pronta per il Pantheon della politica sbagliata.
Sei morti annegati in un sottoscala del centro di Genova, e un sindaco che poco dopo si presenta alla riunione della Protezione civile scortato da un consulente all’immagine e da un avvocato addetto al controllo di un comunicato da consegnare al resto d’Italia a propria discolpa.
L’anniversario dell’inondazione del rio Fereggiano è appena trascorso, con tanto di inaugurazione del cippo dedicato alle vittime.
Ma ogni giorno porta la pena di un dettaglio inedito, e doloroso.
A Marta Vincenzi quegli esperti non servirono a nulla. La sua immagine venne sfregiata.
Il comunicato si rivelò falso: mentiva senza pudore sulla morte di donne e bambini, al solo scopo di preservare le sacre terga di funzionari comunali che certo non avevano fatto il loro dovere, di un assessore IdV, sbadato e forse colluso.
E infine, così sospettano i magistrati, di un sindaco che aveva sul cuore il peso di aver tenuto aperte le scuole. Ci sono cose che hanno valore più umano che politico, sulle quali non si può tacere, come fa oggi il Pd ligure, che di quel governo faceva vanto, prima di usarlo come boccone per cannibalizzarsi alle primarie.
Da quell’ordalia interna a un partito uscì vincente l’intruso Marco Doria, riservato professore che affronta con tanta prudenza il passaggio dalla teoria alla pratica dell’amministrazione di una città.
Tra i suoi alleati, nel ruolo dell’azionista di maggioranza, c’è un rinnovato Pd, che ha ritrovato voce per lanciare ultimatum, anche giusti, sulla costruzione della nuova autostrada che collegherebbe Genova al Ponente.
Ma non dice niente sul dramma che coinvolge il suo ultimo sindaco, tradito o complice che sia, facendo male per primo a se stesso, perché senza l’onesta analisi degli errori passati non si costruisce un futuro diverso.
È una storia terribile, quella dell’alluvione, sulla quale pendono anche le possibili accuse di omicidio colposo per il mancato allarme.
Così brutta che il silenzio del maggiore partito cittadino sulle responsabilità, morali più che penali, dei suoi amministratori, diventa persino comprensibile.
Ma non si può spiegare, se non con un filo di ipocrisia, e tanto meno giustificare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.