I 6500 morti dello “Sport Washing”…

I 6500 morti dello “Sport Washing”…

Partiranno fra poco i Mondiali di calcio in Qatar.

I lavori necessari (ad esempio costruzione stadi adeguati) sono stati effettuati con l’utilizzo di decine di migliaia di operai-schiavi, soprattutto di origine indiana e africana, che hanno lavorato non solo senza alcuna tutela di sicurezza ma pure ammassati in fatiscenti “campi di lavoro”.

Sovraffollati, spesso privi di acqua corrente ed elettricità, nel mezzo di aree industriali inquinate, circondati da muraglioni, telecamere, security, videosorveglianza continua.
Lungo queste “abitazioni” (per le quali i datori di lavoro chiedono una quota di affitto) si posizionano file di autobus o minivan, che portano i lavoratori, all’alba, sui ponteggi per riportarli poi la sera in questi fatiscenti dormitori…

Si dice che siano almeno 6500 le vittime da incidenti sul lavoro accumulate finora, e probabilmente è un dato per difetto…

Quello dello Sport-washing è un fenomeno già ampiamente diffuso.

La definizione sintetizza efficacemente la pratica di chi (in particolare società e/o governi) usa lo sport per “lavare” i propri illeciti e migliorare la propria immagine internazionale.

Lo si fa ospitando eventi sportivi di richiamo mondiale, acquistando o sponsorizzando squadre sportive e così via.

Nella penisola arabica si terranno grandissimi eventi: i Mondiali di calcio in Qatar (cui seguirà nelle stesse strutture la Coppa d’Asia), poi nel 2029 l’Arabia Saudita ospiterà i Giochi Invernali Asiatici (sci ecc,) in una località in via di realizzazione (si potrà sciare e fare snorkeling lo stesso giorno…) e sta prendendo corpo (in competizione con Roma) l’Expo 2030.

Grandissimi eventi, con finanziamenti stratosferici (ad esempio 500 miliardi di dollari solo per l’evento sciistico), con positivi riflessi sui fondi d’investimento di questi governi, realizzati con lo sfruttamento di mano d’opera costituita da persone in grande povertà, disponibili a lavorare con compensi irrisori e senza garanzie di sicurezza sul lavoro.

Gli analisti stimano che siano circa 2 milioni (!!!) i lavoratori migranti che saranno utilizzati/sfruttati (spostandoli di volta in volta nelle sedi che ospiteranno questi eventi) in un contesto di tipo medievale: molte aziende non pagano adeguatamente i dipendenti, non li trattano in modo equo….
i datori di lavoro hanno ancora un controllo pressocchè totale sulla vita dei loro lavoratori, e li possono costringerli a lavorare un numero di ore eccessive o impedire loro di cambiare lavoro.

Uno sfruttamento che sfocia nella impossibilità ad ottenere giustizia o risarcimenti, veto di adesione ai sindacati e di conseguenza l’impossibilità ad agire collettivamente per ottenere migliori condizioni di lavoro.

Tutti sanno che questi sono strumenti utilizzati da governi medievali, che prosperano anche grazie alla negazione dei diritti umani e sociali più elementari, per darsi una “verniciata” di progresso e modernità agli occhi del mondo…

lo sanno tutti, ma tutti (in primis dirigenti sportivi e governanti del mondo occidentale) si voltano dall’altra parte, “distratti” dal potere di un business senza eguali…

In occasione dei mondiali di calcio, ogni gol inaspettatamente subito dalle formazioni favorite viene spesso definito “sanguinoso”…

in Qatar ogni gol sarà “sanguinoso”…
a prescindere…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.